le notizie che fanno testo, dal 2010

Buone Feste: segui Babbo Natale, con il NORAD o Google Maps

Buone feste da parte di Google, che tenta di "sfidare" il ben più organizzato NORAD con le sue mappe. Ma il NORAD ha "radar, satelliti, Babbo-telecamere e aerei da caccia" per seguire gli spostamenti di Babbo Natale.

Immancabile come sempre il doodle di buone feste di Google, per augurare a tutti gli utenti del motore di ricerca un felice Natale. E come ogni anno Google cerca di offrire anche qualcosa in più, in questo caso il viaggio di Babbo Natale intorno al mondo grazie a Google Maps. Questa volta, in realtà Google sembra voler "sfidare" il ben più organizzato NORAD, che come ogni 25 dicembre grazie a "quattro soluzioni molto sofisticate" rileva "gli spostamenti di Babbo Natale" e cioè attraverso "radar, satelliti, Babbo-telecamere e aerei da caccia". Il NORAD, infatti, è una serissima "organizzazione militare congiunta statunitense/canadese responsabile della difesa marittima e aerospaziale di Stati Uniti e Canada" che "offre un servizio di allerta precoce di attacchi aerei e missilistici incombenti nei confronti degli stati membri, tutela la sovranità aerea nordamericana e provvede al mantenimento delle forze in volo per la difesa da eventuali attacchi". Ma ogni 25 dicembre, in occasione delle feste, si mette a disposizione dei più piccoli (e non solo) per seguire gli spostamenti di Babbo Natale con le sue renne. Non si tratta di un servizio di spionaggio, come potrebbe pensare qualche malizioso, ma di una tradizione nata grazie al buon cuore del colonnello Harry Shoup, che nel 1955 rispose per la prima volta ad un bambino che chiedeva informazioni sul viaggio aereo di Babbo Natale.

Ma come fa il NORAD a seguire Babbo Natale che si sposta, nell'arco di 24 ore, in tutto il mondo per consegnare i regali ai bambini, prima naturalmente che si sveglino? "La prima fase del rilevamento prevede l'utilizzo del potente sistema radar del NORAD denominato North Warning System, costituito da 47 installazioni dislocate lungo il confine settentrionale del Nord America - spiega dettagliatamente l'ente militare - Il 24 dicembre, il NORAD esegue controlli radar continui alla ricerca di segnali che indichino che Babbo Natale ha lasciato il Polo Nord". Ed i radar, infatti, hanno intercettato l'inizio del viaggio di Babbo Natale, che si può seguire, Continente per Continente e Paese per Paese, attraverso il video pubblicato sul sito del NORAD , che oltretutto aggiorna in tempo reale i regali già consegnati sotto l'albero. "Non appena il radar conferma che Babbo Natale è decollato, utilizziamo il nostro secondo sistema di rilevamento" prosegue quindi il NORAD, chiarendo: "I satelliti in orbita geosincrona a circa 35,888 km dalla superficie terrestre sono dotati di sensori a infrarossi per il rilevamento termico. E' incredibile, ma il naso rosso vivo della renna Rodolfo emette una traccia infrarossa che consente ai nostri satelliti di rilevarlo assieme a Babbo Natale".

Il NORAD precisa poi che "il terzo sistema di rilevamento è costituito dalla rete di Babbo-telecamere. Abbiamo iniziato a servircene nel 1998, anno in cui abbiamo lanciato su internet il nostro programma di monitoraggio di Babbo Natale. Le Babbo-telecamere sono telecamere digitali all'avanguardia, estremamente sofisticate, con connessione ad alta velocità e sono collocate in numerose località nel mondo. Il NORAD utilizza queste telecamere solo una volta all'anno. Le telecamere scattano foto e registrano video di Babbo Natale e delle sue renne mentre compiono il loro viaggio intorno al mondo". Ed infatti, sul sito del NORAD, ci sono diversi video che immortalano il passaggio di Babbo Natale, fin dal decollo dal Polo Nord.

Infine, "il quarto sistema è composto dallo stormo di aerei da caccia - conclude il NORAD - I piloti da caccia canadesi del NORAD, al comando di velivoli CF-18, intercettano e danno il benvenuto a Babbo Natale in Nord America. Negli Stati Uniti, sono i piloti da caccia americani del NORAD a bordo di aerei F-15, F-16 o F-22 a provare l'emozione di volare accanto a Babbo Natale e alle sue celebri renne: Fulmine, Ballerina, Donnola, Freccia, Cometa, Cupido, Saltarello, Donato e naturalmente Rodolfo". Per fortuna Babbo Natale è ormai a conoscenza della tradizione del NORAD, altrimenti ritrovarsi alle spalle un plotone di aerei da caccia potrebbe essere inquietante e anche un po' intimidatorio.

Anche Google intende augurare buone feste cercando di monitorare il volo di Babbo Natale, anche se si limita solamente a posizionare sulla mappa di Google Maps un segno che va ad indicare l'avvenuta consegna dei giocattoli in una determinata nazione. Per rendere il tutto un po' più interessante, il polifemo di Mountain View ha quindi ideato anche un percorso animato che vorrebbe rappresentare le tappe salienti della preparazione dei miliardi di regali da parte degli aiutanti di Babbo Natale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: