le notizie che fanno testo, dal 2010

Napoli, Cavani "mata" il City. 2 a 1 e la magia è compiuta

E' stata la notte del "Matador" e di tutta Napoli. La quinta giornata di Champions League, valevole per il girone di qualificazione, ha raccontato l'impresa dei partenopei che al San Paolo hanno battuto per 2 a 1 il Manchester City di Roberto Mancini. La doppietta di Edinson Cavani rende vana la rete di Balotelli e regala ai tifosi azzurri una notte indimenticabile. Grazie a questa vittoria alla squadra di Mazzarri potrebbe bastare un pareggio nel prossimo turno per qualificarsi agli ottavi di finale.

Impresa doveva essere e impresa è stata. Così come voleva e sognava Walter Mazzari, il Napoli ha battuto i "fenomeni" del Manchester City con una prestazione da incorniciare. Nel 2 a 1 finale le firme non potevano che essere dell'uomo più atteso, quell'Edinson Cavani che "preoccupava" perché mancava all'appuntamento con il gol dal 29 ottobre. E invece nella magica notte del San Paolo, "El Matador" ne fa due, rendendo vana la rete di Mario Balotelli. Nel gruppo "A" di Champions League, che era stato definito "della morte" da un certo sir Alex Ferguson, il Napoli si trova ora a scavalcare proprio i Citizens di Roberto Mancini e nella prossima (e ultima) gara del girone potrebbe bastare un pareggio con il Villareal per vedere gli uomini di Mazzarri agli ottavi di finale. Come promesso il Napoli decide di far sua la partita, già dai primi minuti. Prima Hamsik, poi Lavezzi per due volte e infine Inler fanno sudare freddo agli uomini di Mancini che capitolano al 18'. Cavani è lesto a deviare di testa alle spalle del portire Hart il calcio d'angolo di Lavezzi, mandando in visibilio il già incandescente San Paolo. Ma sull'1 a 0 è sempre il Napoli a fare la partita, nonostante il maggior possesso palla degli avversari. Il "Matador" fa urlare di nuovo al gol i suoi tifosi, ma il suo tiro è finisce solamente sull'esterno della rete. Al 34' gli azzurri perdono quanto di buono avevano fatto fino a quel momento. Un rinvio corto di Aronica porta al tiro Silva, De Santis para ma "Supermario" Balotelli è il più veloce ad arrivare sul pallone e insacca da pochi passi. Il Napoli accusa, rischiando di subire un altro gol da Kolarov, ma nella ripresa si riprende la partita. Passano 5' e Lavezzi regala spettacolo regalando un pallone largo a Dossena che crossa verso Cavani. L'attaccante uruguaiano colpisce al volo con il "piattone" destro e segna il suo quarto gol in cinque giornate di Champions League. La gioia del popolo azzurro è ora incontenibile, e la squadra di Mazzarri lo sente e si esalta in contropiede. Lavezzi è irrefrenabile e mette i brividi a Mancini quando si trova da solo davanti ad Hart. L'argentino però sceglie la potenza e calcia addosso al portiere inglese. Ci prova anche Hamsik ma stavolta è il palo a negare la gioia del terzo gol napoletano. Passano i minuti e le occasioni non concretizzate dal Napoli portano il City a crederci fino in fondo. L'ingresso del "Kun" Aguero (genero di quel Maradona che tante volte ha calpestato l'erba del San Paolo) lancia gli inglesi all'assedio finale. Gli uomini di Mancini non fanno però i conti con un immenso De Santis che prima ipnotizza Balotelli e poi è sicuro sul tiro improvviso proprio di Aguero, deviato in calcio d'angolo. Ma finalmente al 93' il triplice fischio dell'arbitro sloveno Damir Skomina sancisce la fine del match. Finisce 2 a 1, la "magia" è compiuta e il Napoli vede sempre più vicino gli ottavi di finale. Mazzarri è il simbolo della gioia di tutta Napoli, uscendo dal campo quasi in lacrime, mentre Mancini, scuro in volto, sa che per conquistare la qualificazione dovrà sudarsela nell'ultima giornata contro il Bayern Monaco.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: