le notizie che fanno testo, dal 2010

De Laurentiis: Inter-Napoli finale Champions? Smacco per Platini

Il patron del Napoli Aurelio De Laurentiis crede nei suoi ragazzi per continuare il percorso in Champions League e sogna addirittuta una finale tra i suoi azzurri e l'Inter. "Sarebbe un trionfo del calcio italiano" afferma il presidente napoletano che spera di vedere un gol dell'ex Pandev nell'anticipo di campionato, sabato sera proprio contro i nerazzurri.

Dopo la buona partenza in campionato e in Champions League, per il Napoli è legittimo sognare. Soprattutto se serve a caricare un popolo acceso come quello partenopeo alla vigilia di un big match contro l'Inter. La squadra del patron Aurelio De Laurentiis proverà sabato sera a conquistare una vittoria storica a San Siro che manca da 17 anni. "Il 17 è un numero che mi porta bene" ha affermato il presidente napoletano intervistato alle premiazioni del progetto "Start cup Campania 2011", nella sede dell'Università Federico II. Da buon produttore cinematografico De Laurentiis si immagina la scena di una finale di Champions League, con il suo Napoli protagonista proprio contro i nerazzurri. "Eh, sarebbe un trionfo del calcio italiano - commenta - in barba a Platini". Riguardo le parole di augurio e di elogio del presidente dell'Inter Massimo Moratti, che afferma di tifare Napoli quando gioca in Champions, il patron azzurro rimane più sul vago affrmando di tifare sempre per le italiane anche perché "si rivaluta il nostro calcio ed i nostri allenatori". Sulla partita di sabato sera, valevole per la sesta giornata di campionato, De Laurentiis si aspetta "il guizzo da Pandev" sperando "si procuri la sua rivincita contro gli ex". Il Napoli non ha mai dimostrato in questa stagione di aver avuto paura delle avversarie di qualità, e non intende farlo nemmeno contro l'Inter: "Noi siamo grandi contro le grandi perché i campioni ci esaltano - ha tenuto a precisare il massimo dirigente azzurro - Le grandi ci fanno giocare mentre sono le provinciali che ci mettono più in difficoltà. Sarà una bella partita, l'Inter ha ritrovato la sua luce con Ranieri. Sarà una sfida emozionante, punto sul Pocho, su Hamsik, Zuniga ed il rientrante Maggio per far vedere una bella squadra contro i nerazzurri. Mi dispiace per Cavani (infortunato, ndr) e so anche quanto dispiace ad un guerriero come lui non esserci in un match simile. Comunque sarà anche l'occasione per vedere le riserve che hanno bisogno di tempo". Poi un'appunto sui nuovi, che ancora non riescono a rendersi protagonisti in questo Napoli collaudato e ben funzionate: "Aspettiamo di vedere al lavoro Britos, Dzemaili, Donadel sono giocatori che devono avere il tempo di integrarsi e quindi accettiamo anche arrivino delle sconfitte con loro in campo. A fine dicembre, tireremo le somme. Gli infortuni sono incidenti di percorso che possono capitare. Meno male che è rimasto Gargano", ha concluso De Laurentiis.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: