le notizie che fanno testo, dal 2010

Nancy Brilli difende Fausto Brizzi: denunce si fanno in Procura non a Le Iene

L'attrice Nancy Brilli difende il regista Fausto Brizzi, accusato da Le Iene di essere il Weinstein italiano. "Avance, molestie e stupro sono tre cose diverse. Oggi, si sta mettendo tutto insieme" sottolinea.

"Ho lavorato tanto con Fausto Brizzi, di cui leggo ora notizie che possono distruggere una carriera. Dal mio canto posso solo dire che con me si è comportato sempre benissimo, in maniera professionale e amichevole" assicura l'attrice Nancy Brilli, che difende il regista accusato da Le Iene di essere il Weinstein italiano.
Sono finora 10, infatti, le attrici o aspiranti tali che accusano Fausto Brizzi di pesanti molestie (solo una parla di violenza sessuale).
Il regista di "Notte prima degli esami" ha respinto ogni accusa chiarendo, attraverso il proprio legale: "Mai e poi mai, nella mia vita, ho avuti rapporti non consenzienti e condivisi".
Nancy Brilli è stata diretta da Fausto Brizzi nei film "Ex", "Maschi contro femmine" e "Femmine contro maschi", precisando su Facebook: "Dei tre film che abbiamo fatto insieme, mai nessuna attrice si è lamentata di qualcosa. E ce ne erano tante, belle e giovani".

In una intervista al Corriere.it, l'attrice ammette: "Fausto è sensibile al fascino femminile, ma - chiarisce - in modo garbato". Nancy Brilli quindi avverte: "Senza portare le prove si distruggono persone e famiglie. Non mi piace la denuncia televisiva, addirittura a volto coperto. Le denunce si fanno in Procura, circostanziate. E si è colpevoli quando è scritto in una sentenza. - aggiungendo - Avance, molestie e stupro sono tre cose diverse. Oggi, si sta mettendo tutto insieme".
In difesa di Fausto Brizzi anche le attrici Cristiana Capotondi e Lodovica Comello, che hanno espresso solidarietà al regista sui social.

© riproduzione riservata | online: | update: 13/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Nancy Brilli difende Fausto Brizzi: denunce si fanno in Procura non a Le Iene
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI