le notizie che fanno testo, dal 2010

NASA: al via "razzo mostro" che porterà l'uomo su NEO e Marte

L'Obama Space Vision ha finalmente il suo razzo. Sarà un "monster rocket" a sostituire gli Shuttle e a portare l'uomo non solo su Marte, meta ormai scontata per qualsiasi piano spaziale "lungimirante" ma anche su un asteroide NEO. Magari 4179 Toutatis, e così sarebbe davvero un film (Armageddon).

La NASA riprova ad essere leader nella corsa allo Spazio. Nell'ottica della "Obama Space Vision" (ormai agli sgoccioli di mandato), ecco il "sucessore dello Space Shuttle" voluto a tutti i costi dal Congresso e dalla NASA che incominciano a soffrire per il fatto di essere costretti a "scroccare" i passaggi ai vecchi "compagni" russi, unici "traghettatori", con le loro Soyuz, verso la Stazione Spaziale Internazionale. E il successore degli Shuttle è davvero un progetto "all'americana", e cioè enorme, massiccio, costosissimo, epocale. Il nuovo Space Launch System (SLS) infatti non sfigurerebbe davanti al Saturno V che portò l'uomo sulla Luna. Il nuovo "razzo", ma non è solamente un mero propulsore, ma un "sistema di lancio", tiene a precisare la NASA, sostituirà la passata filosofia degli Space Shuttle e della loro visione "leggera" e "riutilizzabile" del volo orbitale inventata nell'era Nixon. Il progetto "Space Launch System" costerà almeno 18 miliardi di dollari per i prossimi sei anni, cioè 3 miliardi l'anno, e non mancano polemiche sul fatto che tutti questi soldi siano spesi in un Paese che sta sprofondando nell'atmosfera di Furore di Steinbeck (ovviamente 2.0). Alcune stime riportano che il "nuovo Shuttle" arriverà a costare 35 miliardi di dollari, sempre se tutto andrà liscio. Il numero uno della NASA, Charlie Bolden, nel presentare il "razzo mostro", come l'ha soprannominato Bill Nelson, un senatore democratico della Florida, è entusiasta e si è preparato la frase "spaziale" delle grandi occasioni: "Questo è un grande giorno per la NASA, credo, per la NASA e per la nazione" ha detto ai membri del Congresso. Le mete dello Space Launch System saranno davvero "dove nessun uomo è mai giunto prima" con la visita, sembra già per il viaggio inaugurale, di un asteroide in avvicinamento alla terra (un NEO, near-Earth object). Magari 4179 Toutatis (http://is.gd/oftwyY), e così sarebbe davvero un film (Armageddon - Giudizio finale). Non manca nella strada verso le stelle il mitico Pianeta rosso, Marte, che poi tanto "rosso" non sembra più. Lo Space LS sarà pronto in soli sei anni e avrà come base la "classica" Cape Canaveral. Ma "the monster rocket" offre dei numeri davvero mostruosi; molto più simile al razzo che portò sulla Luna gli Apollo che all'appena pensionato Space Shuttle è un "ritorno al futuro con una tecnologia affidabile a carburante liquido" come osserva uno specialista come Scott Hubbard della Stanford University. Il razzo "centrale" sarà a propellente liquido affiancato da uno o più "booster" a propellente solido ricordando così (anche se lontanamente) l'aspetto dello Shuttle. Le configurazioni per ora sono solamente sulla carta, visto che la progettazione vera e propria, con tutti i cambiamenti che ne conseguono, è ancora da farsi. Ma le idee, almeno su quello che lo Space LS dovrà "ottenere" sono molto chiare. Inizialmente SLS sarà in grado di portare nello Spazio da 77 a 110 tonnellate, cioè la capsula Orion della Lockheed Martin (la nuova "navetta" americana) e molto altro. Anzi, tantissimo altro, dato che lo Space Shuttle era in grado di portare in orbita "solo" 27 tonnellate. Ma Space LS non sarebbe un vero "mostro" se non fosse in grado di crescere: la NASA rivela che alla fine SLS sarà in grado di trasportare 143t e forse anche 165 tonnellate nello Spazio, superando l'antico leviatano del Saturno V che portò gli uomini sulla Luna potendo spingere fuori dall'atmosfera terrestre più o meno 130 tonnellate. Contando che attualmente il più grande razzo senza equipaggio è in grado di portare in orbita sole 25 tonnellate, il nuovo Space Shuttle potrebbe rivelarsi davvero un salto quantico spaziale per gli USA. Crisi permettendo, ovviamente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: