le notizie che fanno testo, dal 2010

NASA: Kepler scopre pianeta Goldilocks, ma che sia simile alla Terra è una favola

La missione Kepler della NASA ha scoperto il primo pianeta simile alle dimensioni della Terra situato nella zona abitabile. I media mainstream italiani hanno dato molto risalto all'annuncio della NASA ma per il momento la vita su un altro pianeta rimane però solo una favola, ed infatti quello scoperto dalla missione Kepler è un pianeta Riccioli d'oro (Goldilocks planet).

La missione Kepler della NASA ha scoperto il primo pianeta simile alle dimensioni della Terra situato nella zona abitabile, cioè che ruota attorno ad una stella come il nostro Sole e quindi lascia presupporre l'esistenza di acqua liquida sulla sua superficie. I media mainstream italiani hanno dato molto risalto all'annuncio della NASA come se già su questo pianeta fosse stata scoperta quella civiltà aliena che sta per essere ricercata dal progetto Breakthrough Listen di cui fa parte anche il fisico Stephen Hawking. Per il momento, la vita su un altro pianeta rimane però solo una favola, ed infatti quello scoperto dalla missione Kepler è un pianeta Riccioli d'oro (Goldilocks planet), come vengono chiamati quelli situati nella zona abitabile. Anzi, è l'ennesimo pianeta Goldilocks visto che la missione Kepler ne ha già individuati altri 1.030. Questo nuovo pianeta simile alla Terra, da ribadire solo per le sue dimensioni, è stato ribattezzato Kepler-452b, ed è il più piccolo pianeta finora scoperto nell'orbita della zona abitabile. Oltre a Kepler-452b ci sono inoltre altri 11 piccoli pianeti che avrebbero le caratteristiche per essere una nuova Terra e di questi 9 orbitano attorno a delle stelle che sono simili al nostro Sole in termini di dimensioni e di temperatura. Per John Grunsfeld, amministratore associato del Science Mission Directorate della NASA, questa scoperta effettuata dalla sonda telescopio Kepler rappresenta però un "risultato entusiasmante" poiché ci porterebbe "ad passo dal trovare una Terra 2.0".

Dai calcoli effettuati dalla NASA il sistema solare di Kepler-452 si trova a 1.400 anni luce di distanza nella costellazione del Cigno. Il pianeta Kepler-452b avrebbe un diametro del 60% superiore a quello della Terra. Kepler-452b viene quindi considerata una Super Terra, dunque "una via di mezzo tra i giganti gassosi di massa simile ad Urano e Nettuno ed i pianeti rocciosi di dimensioni simili alla Terra" come spiega Wikipedia. Ovviamente, la sonda telescopio Kepler non è in grado di analizzare la massa e la composizione del pianeta appena scoperto, e neanche di fotografarlo. La sonda Kepler monitora infatti solo la luminosità di più di 145mila stelle presenti in una regione della Via Lattea, quella presso le costellazioni del Cigno, della Lira e del Drago. I dati sono quindi trasmessi a Terra, dove vengono analizzati in cerca di periodiche diminuzioni di luminosità delle stelle causate da pianeti extrasolari che transitano di fronte alla loro stella. Da qui, la scoperta di Kepler-452b. Stando ai calcoli della NASA, Kepler-452b completerebbe l'orbita attorno al suo Sole in 385 giorni, quindi sarebbe più lunga di appena un 5% rispetto a quella della Terra nonostante il pianeta sia molto più grande. Il Sole è stato battezzato Kepler-452 ed avrebbe una temperatura pari a quella della nostra stella, anche se sarebbe il 20% più luminoso e il 10% più grande. Il pianeta Kepler-452b sarebbe lontano il 5% in più dal suo Sole rispetto alla distanza che intercorre tra la Terra e la nostra stella che ci riscalda. Nonostante questi pochi dati raccolti finora per Jon Jenkins, analista della missione Kepler, nel pianeta Kepler-452b "dovrebbero esistere tutti gli ingredienti e le condizioni necessarie affinché sia nata la vita".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: