le notizie che fanno testo, dal 2010

Alieni: batteri extraterrestri NASA "all'arsenico" forse una bufala

Batteri, ultima frontiera. Prima il teaser, poi le parole chiave per i boccaloni della scienza cioè esobiologia, alieni, extraterrestri, ET. La NASA presenta i suoi batteri che vivono con l'arsenico al posto del fosforo. Ma altri ricercatori smontano la scoperta.

Vi avevamo già parlato ironicamente dei batteri "extraterrestri" scoperti dalla NASA ed imbottiti talmente di arsenico da farli diventare "cianotici" e dipendenti (a livello di DNA) da questa sostanza tossica (leggi i due nostri articoli sul batterio e la NASA qui http://tinyurl.com/39s2ajk).
La NASA affermava di aver scoperto (o creato in laboratorio) una forma di vita aliena che aveva incorporato nel suo DNA l'arsenico, cosa che, se vera, avrebbe davvero rivoluzionato la storia della biologia e la ricerca (ufficiale) di vita extraterrestre sui pianeti. Difatti questo batterio vivrebbe e crescerebbe utilizzanto arsenico al posto del fosforo.
Ironizzavamo poi che se questo batterio fosse stato davvero così goloso di arsenico si sarebbe trovato bene anche nell'acqua di alcuni comuni italiani che in "deroga" continuano a fornire acqua all'arsenico ai cittadini.
Difatti in deroga alla legge queste acque vengono considerate potabili ma in realtà non lo sono soprattutto per i bambini, vista la loro ricchezza del famigerato "semimetallo".
Ora anche al mondo scientifico vengono dei seri dubbi e si incomincia a contestare la "scoperta" di questi alieni un po' troppo "terra terra" per essere credibili.
Viene contestato anche il modo in cui l'esperimento sarebbe stato fatto perché, dai dati presentati, questi batteri potrebbero essere stati "contaminati" inficiando i risultati.
Durissima la dottoressa Rosie Redfield, una ricarcatrice dell'Università del British Columbia (Canada) che dal suo blog (rrresearch.blogspot.com) contesta punto per punto la scoperta NASA e che afferma: "Se questi dati mi fossero stati presentati da uno studente di dottorato, l'avrei rimandato al banco del laboratorio a fare più controlli e usare più pulizia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: