le notizie che fanno testo, dal 2010

Movimento dei Forconi espelle Morsello. Senza Forza Nuova, nuova forza

Il Movimento dei Forconi dopo un'assemblea a Caltanissetta fa chiarezza sulla leadership. Espulso Martino Morsello per aver "associato il Movimento dei forconi a Forza Nuova". E a Ivan Lo Bello Mariano Ferro dice: "Lo prego di recarsi in Procura e di fare nomi e cognomi".

Tanto tuonò che piovve. La tanto invocata "primavera italiana" sembra finalmente scoppiata ad opera del Movimento dei Forconi e del Movimento Pastori Sardi che quando arrivarono a Roma, per la prima volta, suscitarono qualche sorriso (http://is.gd/SrvVCf). La faccia da "indignados telegenico" infatti, quella che fa intervenire automaticamente le telecamere, era totalmente assente nei Forconi, tanto da non farli prendere per "contestatori" almeno nell'accezione moderna del termine. Questi contestatori "strani", talmente tanto "di una volta" da non essere riconosciuti, non portavano infatti i consueti segni di riconoscimento, tanto che i giornalisti mainstream si erano confusi. Non avevano sotto l'ascella un tablet, non portavano quei tipici finti occhiali da vista, dai loro sguardi non traspariva quella "boria standard" che fa spesso di ogni uomo 2.0 un dio 3.1. Erano solamente uomini e donne coraggiosi, alcuni con mani callose, visi segnati dalla fatica e dai sacrifici, abbronzature più "da muratore" che da centro estetico, il cui unico interesse era il lavoro e la famiglia. Per questo motivo, dato che le proteste erano ormai diventate delle "simulazioni al computer" da troppo tempo, con "occupazioni" e "battaglie" a "colpi di tweet", una protesta vera, ovviamente, non se l'aspettava più nessuno. I Forconi hanno spiazzato il modo di essere "social" con l'antico modo di essere "sociali". Paradossale che questa strategia spontanea abbia fatto invecchiare di colpo il web 2.0 facendolo apparire quasi "reazionario" per usare un termine "antico". E così i Forconi, i "rivoluzionari", sono stati immediatamente bollati (per reazione, appunto) da chi invocava la "rivoluzione" solo pochi mesi fa. I Forconi sono stati presentati come "fascisti", "neofascisti" e ovviamente, dulcis in fundo "mafiosi" (leggi "Movimento dei Forconi: mafiosi, neofascisti? Peggio, berlusconiani!" http://is.gd/8JmxzT). Inutile il comunicato stampa ufficiale di venerdì 20 gennaio dove i Forconi, dalla loro unica pagina ufficiale (http://is.gd/eqAKcA) sottolineavano la distanza da Forza Nuova et similia: "Martino Morsello è pregato di chiarire la sua posizione nei confronti delle voci che lo danno vicino a Forza Nuova, io e Mariano Ferro fondatori del movimento prendiamo le distanze da Morsello e Forza Nuova. (Giuseppe Scarlata)". Tanto che, secondo qualcuno, se i Forconi fossero stati "graditi" al sistema dominante che fa "girare" le notizie, il "misunderstanding" sarebbe stato presto chiarito, e invece no. In un certo qual modo si è forse ottenuto il risultato contrario. Mariano Ferro e Giuseppe Scarlata non avevano quasi spazio sui giornali, tanto da non venire neppure citati, mentre Morsello veniva definito generalmente "leader del Movimento dei Forconi" ed invitato come tale davanti ai microfoni di importanti trasmissioni nazionali. Inutili le nuove "rassicurazioni" di Ferro e Scarlata che, sempre sulla loro pagina di Facebook ufficiale, scrivevano: "il movimento dei forconi è assolutamente apartitico e nasce con la sola intenzione di ridare dignità al popolo siciliano". Sabato 21 Gennaio un post chiarisce quindi i rapporti tra i Forconi e Morsello: "non possiamo rispondere singolarmente ad ogni domanda che ci viene fatta altrimenti dovremmo stare tutto il giorno davanti al computer! il signor Morsello può ritenersi responsabile quanto vuole ma una cosa è certa noi con la famiglia Morsello non vogliamo più avere a che fare! il movimento è stato creato da Mariano e Giuseppe!!! sono SOLO loro i veri promotori!!!! come ho già annunciato ci sono delle denunce in corso", sottolineando poi, in un altro post, che "le altre pagine di facebook sono state create dalla famiglia Morsello di conseguenza sono in mano a Forza Nuova! dunque questa è l'unica pagina ufficiale del movimento". Sempre Sabato il Movimento dei Forconi "ufficiale" scriveva ancora da Facebook: "per noi la famglia Morsello non esiste più! fanno solamante finta di non capire ma sanno benissimo che non hanno alcuna titolarità e lo dimostra il fatto ke all'incontro a Palermo con il presidente Lombardo il signor (se così si può chiamare) Morsello non era neanke presente! non pensate ke se fosse stato lui in vero responsabile non sarebbe potuto mancare? stanno solo facendo terra bruciata attorno a loro stessi!(...)". Molti quindi aspettavano la fatidica data della riunione a Caltanissetta (lunedì 23 gennaio) in quel di Pian del Lago, dove erano presenti "i due veri leader del movimento (Giuseppe Scarlata e Mariano Ferro) nato ad Avola il 20 maggio 2011". Ed ecco il nuovo comunicato ufficiale che non lascia adito a nessun dubbio: "DICHIARAZIONE UFFICIALE DA PARTE DI TUTTI I COMPONENTI DEL MOVIMENTO DEI FORCONI: Il signor Martino Morsello si è fatto portavoce di argomentazioni che mai aveva discusso con gli altri componenti del movimento. Ha inoltre associato il Movimento dei forconi a Forza Nuova! Il gruppo dirigenza pertanto, pur rispettando le idee politiche di ognuno di noi, non intende essere associato a nessun partito o gruppo politico, pertanto il signor Martino Morsello viene espulso per aver tenuto un comportamento fortemente scorretto e doloso! Firmato: Verenati Gianluca, Crupi Franco, Pirrello Carmelo, Calderoni Franco, Ferro Mariano e Scarlata Giuseppe". E visto che c'era, Mariano Ferro fa anche "chiarezza" sull'accusa che i Forconi abbiano a che fare con la "mafia". Si legge sempre nella pagina di Facebook ufficiale del Movimento: "Ferro ha anche replicato alle accuse mosse dal presidente di Confindustria, Ivan Lo Bello. 'Se Lo Bello ritiene che all'interno del nostro movimento vi siano dei mafiosi, lo prego di recarsi in Procura e di fare nomi e cognomi'. Ferro ha anche riferito che da ora in poi i portavoce del movimento saranno lui e Giuseppe Scarlata". Ora, come si scrive già in alcuni commenti, senza Forza Nuova il Movimento dei Forconi assume una "nuova forza".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: