le notizie che fanno testo, dal 2010

Che fine ha fatto il Movimento dei Forconi? E' partita la seconda fase

Il Movimento dei Forconi non è sparito dalla circolazione, ma solo dai teleschermi (e naturalmente dagli hashtag di Twitter). Il Movimento di Mariano Ferro e Giuseppe Scarlata è passato alla "fase due", quella dei presidi e "delle scelte ragionate e sensate". Per non abbandonare il campo.

Ma dove è finito il Movimento dei Forconi? Possibile che, visto che si parla di Forconi, il movimento sia stato solo un "fuoco di paglia"? Dopo il debutto sui social network dove il Movimento è stato non solo ignorato ma anche bollato come "mafioso" e "neofascista", dopo i servizi ai telegiornali e l'apparizione a "Servizio Pubblico", finiti i "blocchi" dei Tir e le manifestazioni in piazza, tutto sembra essere tornato come prima. Cioè una realtà siciliana e nazionale senza la sua "primavera". E' però uno dei leader del Movimento dei Forconi, Giuseppe Scarlata, che rassicura gli animi dalla pagina ufficiale di Facebook (http://is.gd/eqAKcA): "(...) quando c'è silenzio si lavora per costruire. Già è partita la seconda fase, già in serata molti presidi saranno montati. Le donne devono avere un ruolo determinante sono la mamme dei nostri figli senza futuro il papà poveretto almeno durante il giorno diamogli la possibilita di andare al lavoro x cercare di tirare a campare poi la sera ci uniamo tutti nei presidi". E sempre nella stessa pagina un altro post risponde all'ansia di chi aveva "creduto" nei Forconi e vedendoli abbassare i toni crede che tutto sia ormai perduto: "noi non ci siamo fermati per chi non l'avesse capito! - si legge nel post - stiamo cercando solo di seguire una strada un pò più democratica di quella che propongono alcune persone e che poi non porta da nessuna parte! non siamo nel medioevo,è giusto fare delle scelte ragionate e sensate! Abbiamo più volte detto che siamo contro la violenza e non permetteremo a nessuno di indirizzarci verso una via sbagliata! sappiamo quello che facciamo! accettiamo tutti i tipi di critiche ma fatte da persone che hanno la nostra stessa volontà di fare qualcosa per tutti noi! nn accettiamo più di sentirci dire che siamo mafiosi,violenti,opportunisti o che pensiamo solo a risolvere i problemi che ci riguardano più specificatamente! ci piacerebbe molto se chi invece di stare a casa a criticare senza fare un bel nulla ci aiutasse e ci sostenesse e non perchè siamo dei leader ,ma perchè quello che stiamo cercando di fare forse un giorno gioverà anche a voi! quindi per favore meno parole e più fatti!". Ma sempre sulla pagina Facebook ufficiale del Movimento dei Forconi, l'unica e la sola autorizzata da Mariano Ferro e Giuseppe Scarlata si legge una dichiarazione di quest'ultimo che non può che portare all'empatia e al rispetto verso due persone coraggiose: "(...) io ho creduto e credo in quello che sto facendo e pure Mariano. Noi abbiamo girato la sicilia e mezza italia facendo incontri e riunioni ovunque non abbiamo mai dormito in un albergo durante questi percorsi, tante volte abbiamo pernottato in macchina non avendo la disponibilità economica che ci permettesse di dormire degnamente. Abbiamo pranzato con panini e mortadella comprati al discount. Siamo andati a incontri istituzionali a Roma di tasca nostra con pochi euro in tasca non abbiamo chiesto un solo centesimo a nessun partito e non ne vogliamo !!! Quello che abbiano fatto e frutto dei nostri sagrifici e della nostra forza di volontà. La gente che ci conosce lo sa e con noi sta cercando di alzare la testa ... ho un misero telefonino con internet e quando il tempo me lo permette guardo con esso quello che succede sul web, ma francamente me ne frego credo nel contatto umano reale non in quello virtuale della rete e questo modo di fare stando in mezzo alla gente porta il risultato della credibilita noi abbiamo e mandiamo avanti gli stessi problemi che la gente ha. Non parliamo per sentito dire, non conosciamo ferie, non sappiamo che vuol dire avere soldi in banca, non possiamo pagare le tasse, non riusciamo pur avendo aziende a fare vivere degnamente i nostri familiari. Percio cerchiamo nell'autodifesa di cambiare lo stato di cose (...)".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: