le notizie che fanno testo, dal 2010

Morgan a Napolitano: mia figlia negli USA senza il mio consenso

Morgan scrive una lettera al Capo dello Stato Giorgio Napolitano per chiedergli di intervenire in merito all'affidamento della figlia avuta con la sua ex compagna Asia Argento: non ho potuto dare il regalo di Natale a mia figlia" perché "negli USA senza il mio consenso".

Marco Castoldi, in arte Morgan, ha scritto una lettera al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano per chiedergli come "supremo organo garante della Costituzione e della morale" di intervenire in merito all'affidamento della figlia avuta con la sua ex compagna Asia Argento.
Le dichiarazioni shock rilasciate da Morgan sulla droga, infatti, gli sono costate care non solo in ambito lavorativo ma anche familiare. Da allora, da quanto riportano le cronache, la vicenda giudiziaria per l'affidamento della figlia è diventata sempre più complicata. Tanto che Morgan si appellò anche in passato al Capo dello Stato e "questa volta - scrive il cantautore nella lettera - per rendere noto che non ho potuto dare il regalo di Natale a mia figlia, perché la madre, l'ha portata negli USA senza il mio consenso".
La vicenda di Morgan sembra essere quindi simile a quella di quei tanti padri separati che lottano per il riconoscimento dei loro diritti come genitori.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: