le notizie che fanno testo, dal 2010

Aumenti pedaggi autostradali 2016, Gregori: rincari dovevano essere spalmati nel tempo

Dal 1 gennaio c'è stato un aumento di alcuni pedaggi autostradali ma "al di là degli investimenti, rappresentano un rincaro eccessivo che doveva essere ulteriormente spalmato nel tempo" denuncia Monica Gregori, deputata di Sinistra Italiana.

Dal 1 gennaio c'è stato un aumento di alcuni pedaggi autostradali, con un rincaro medio delle tariffe pari allo 0,86 % anche perché "per tutte le Società per le quali è in fase di aggiornamento il relativo Piano Economico - Finanziario, gli aumenti tariffari sono stati provvisoriamente sospesi, posticipandone l'adeguamento all'approvazione dei Piani" come sottolinea in una nota Monica Gregori, deputata di Sinistra Italiana. Attualmente gli aumenti riguardano 6 delle 26 tratte affidate in Concessione ma "il 3,45% di aumento per la Strada dei Parchi ed il 6,50% per la Società Satap A4, al di là degli investimenti, rappresentano un rincaro eccessivo che doveva essere ulteriormente spalmato nel tempo" denuncia la parlamentare.
"Ancora una volta ad essere penalizzati sono i cittadini, con l'aumento dei pedaggi autostradali si colpisce in modo indiscriminato la popolazione" sottolinea l'ex esponente del PD, lamentando comunque il fatto che "la mancata approvazione dei Piani da parte del Comitato Interministeriale per la programmazione economica, comporta, oltre a una violazione della normativa e del contratto, come dice la stessa AISCAT, organizzazione di categoria dei concessionari, gravi danni per i gestori che in mancanza di un piano approvato, non sono messi in grado di effettuare gli ulteriori investimenti previsti, minando la credibilità delle aziende e del Paese con pesanti ripercussioni sulla bancabilità dei progetti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: