le notizie che fanno testo, dal 2010

Sul caso Lande interrogazione ad Alfano: perché non interdittiva antimafia, chiede M5S

"Presentato oggi alla Camera il question time al ministro Alfano per chiedere conto della mancata interdittiva antimafia nei confronti della società Lande, coinvolta in più inchieste", annuncia in un comunicato il MoVimento 5 Stelle.

"Presentato oggi alla Camera il question time al ministro Angelino Alfano per chiedere conto della mancata interdittiva antimafia nei confronti della società Lande - viene illustrato in un comunicato del MoVimento 5 Stelle -, coinvolta in più inchieste."
«Il ministro dell'Interno può girarci intorno quanto vuole ma la realtà è che, sulla società Lande, governo e istituzioni hanno letteralmente dormito. Alfano si nasconde dietro al cambio di assetti societari dimenticando che l'ex Ad di questa società, Marco Cascella, è stato al comando dal 2009 e fino a pochi mesi fa mentre vinceva grandi appalti in tutta Italia su opere strategiche per il governo. E' incredibile che da ottobre ad oggi non sia scattata l'interdittiva antimafia per la società che Cascella amministrava, dopo che la DDA di Napoli aveva fatto scattare indagini e arresti domiciliari. C'è voluta la recente inchiesta che ha travolto il Pd campano per accendere definitivamente i riflettori sulla società partenopea, nonostante l'ex Ad fosse già stato coinvolto nell'inchiesta Medea - riguardante politici, appalti e imprese legate al clan dei Casalesi - per alcune gare d'appalto sospette» affermano i deputati M5S in Commissione Cultura e Antimafia che oggi in Aula hanno rivolto il question time al ministro Alfano.

«Rispetto a quanto emerso con l'inchiesta Medea avevamo chiesto conto dell'accaduto, in un precedente question time, al ministro Dario Franceschini, il quale infelicemente aveva affermato di non ritenere necessaria una verifica degli affidamenti alla società Lande, in quanto avvenuti in data precedente alla conoscibilità delle indagini. Un approccio di inaccettabile superficialità e disattenzione. A nostro avviso non c'è tempo da perdere e il prefetto deve procedere subito con un interdittiva senza attendere che la società cambi i suoi assetti societari per uscirne pulita» concludono i pentastellati.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: