le notizie che fanno testo, dal 2010

Petrolio Polcevera, M5S: situazione è tutt'altro che tranquillizzante

"Al Rio Fegino in Liguria, la situazione è tutt'altro che tranquillizzante, come invece vorrebbero farci credere le autorità. I parlamentari M5S insieme ai portavoce regionali il 25 aprile sono stati sul posto, svolgendo ispezioni e visite sia presso la sede della Iplom sia nel punto nel quale è avvenuto l'incidente", informa in un comunicato il MoVimento 5 Stelle.

"Al Rio Fegino in Liguria, la situazione è tutt'altro che tranquillizzante, come invece vorrebbero farci credere le autorità. I parlamentari M5S insieme ai portavoce regionali il 25 aprile sono stati sul posto, svolgendo ispezioni e visite sia presso la sede della Iplom sia nel punto nel quale è avvenuto l'incidente, con il riversamento del greggio che dal Rio Fegino è arrivato al torrente Polcevera e da lì fino al mare" informa in un comunicato il MoVimento 5 Stelle.
I pentastellati proseguono dunque: "Hanno verificato con i loro occhi i danni provocati, osservando il greggio arrivato al fiume e controllando le operazioni di bonifiche in corso. Ci sono ancora tracce di petrolio visibili, e soprattutto un forte odore di idrocarburi nell'aria. D'altronde anche i cittadini, tra i quali persone che hanno avvertito malori nei primi giorni dello sversamento, hanno riferito di non essere affatto rassicurati dalle parole delle istituzioni anche perché tutto resta ancora molto poco chiaro. I parlamentari M5S (Alessandro Di Battista, Davide Crippa, Sergio Battelli, Matteo Mantero, Simone Valente, Andrea Cioffi, Carlo Martelli) hanno incontrato e ascoltato i cittadini, al contrario del ministro Gian Luca Galletti che ha fatto una visita lampo andando a ispezionare i luoghi in un lasso di tempo brevissimo. Non solo: ha avuto anche il coraggio di affermare che 'è necessario fare una riflessione sulle fonti fossili'."
"E allora perché appena una settimana fa - viene fatto sapere in ultimo dai grillini -, al referendum, ha sostenuto il No? Il M5S invece mantiene la sua coerenza e le sue 'stelle ambientali', anche attraverso il Programma Energia appena presentato alla Camera e che si preoccupa del Paese per i prossimi 40 anni, oltre a garantire lavoro qualificato. Lo abbiamo detto chiaro ai cittadini, che hanno ascoltato e ben compreso chi è rimasto fermo ai fossili e chi invece pensa davvero all'ambiente, alla salute ed al futuro."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: