le notizie che fanno testo, dal 2010

MoVimento 5 Stelle: espulso Mastrangeli. Ma senza portale voto web non trasparente

Come in una sorta di puntata di Forum, il senatore pentastellato Marino Mastrangeli è stato espulso dal MoVimento 5 Stelle perché è andato in televisione. Ora la decisione finale spetta alla Rete, ma senza portale M5S il voto non può essere trasparente, e rischia di essere nullo.

Mentre Vito Crimi e Roberta Lombardi affermano di non accettare "lezioni sull'uso del Parlamento" dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il MoVimento 5 Stelle espelle il senatore Marino Mastrangeli perché è andato troppo in televisione. In realtà, i più maliziosi potrebbero pensare che Marino Mastrangeli è stato espulso dal MoVimento 5 Stelle non tanto per la partecipazione ai talk show quanto per il fatto che il senatore forse "minava" l'immagine del M5S. Paradossalmente, l'espulsione del senatore che andava troppo in televisione è stata trasmessa via streaming da La Cosa su Youtube, che in fondo in fondo è sempre una tv solo che va in onda su internet. La "trasparenza" della votazione, che ha portato all'espulsione di Marino Mastrangeli con 62 sì, 25 no e 3 astenuti, è stata però oscurata, letteralmente, dal fatto che improvvisamente il segnale dello streaming è andato perso. Le votazioni dei "grillini" parlamentari, quindi, come le ultime fasi della discussione, quelle più accese, non sono infatti andate in onda. Ora la parola, come da Codice di comportamento eletti MoVimento 5 Stelle in Parlamento, passa a tutti gli iscritti, poiché l'espulsione dovrà essere ratificata da una votazione on line sul portale del M5S. Ma il MoVimento 5 Stelle non ha ancora il portale, e quindi è plausibile che la votazione per la ratifica dell'esplusione di Mastrangeli passerà, come sempre, dal blog di Beppe Grillo. Senza un portale di democrazia liquida, però, la votazione non potrà essere trasparente, e quindi rischia la nullità, soprattutto se contestata da Marino Mastrangeli.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: