le notizie che fanno testo, dal 2010

Malagrotta: rifiuti ospedalieri. M5S a Orlando: intervenga per disastro ambientale

Il MoVimento 5 Stelle denuncia che dopo il nubigragio che ha colpito il Lazio galleggiano "sui campi attorno all'inceneritore, inquinando anche le falde acquifere" i rifiuti ospedalieri, oltre che "i rifiuti della raffineria vicina, gasolio e altri materiali inquinanti". Il M5S chiede quindi al ministro dell'Ambiente Andrea Orlando di intervenire per disastro ambientale.

"L'immensa discarica di Malagrotta, a Roma, è come la Terra dei Fuochi: è una emergenza nazionale" scrive il gruppo alla Camera del MoVimento 5 Stelle, denunciando come le piogge di questi giorni nel Lazio hanno causato non solo allagamenti in molte zone di Roma Nord fino ad Ostia e Fiumicino ma ha sparso "i rifiuti ospedalieri pericolosi" che stanno ora "galleggiando sui campi attorno all'inceneritore, inquinando anche le falde acquifere". Il MoVimento 5 Stelle chiede quindi al ministro dell'Ambiente Andrea Orlando di intervenire "su questo disastro ambientale". Il 1 febbraio il portavoce M5S Camera M5S Stefano Vignaroli si è infatti recato a Malagrotta "per documentare fotograficamente 'lo scempio ambientale' " come viene descritto in una nota dei pentastellati, postando una foto dei rifiuti ospedalieri che passeggiano per i campi ddella discarica di Malagrotta. Vignaroli annuncia che oggi, 3 febbraio, andrà quindi "al Noe dei carabinieri per raccontare quel che sta accadendo" e per presentare "un esposto alla Procura della Repubblica", aggiungendo: "Ho chiamato anche l'Arpa e l'Asl ma, finora, non sono venuti per documentare quel che sta accadendo". Il MoVimento 5 Stelle avverte quindi che "i rifiuti sono portati in giro dal fiume di acqua che si è formato, molti stanno finendo in un torrente che sfocia nel Tevere". La nota prosegue evidenziando come "a tutto questo si aggiungono i rifiuti della raffineria vicina, gasolio e altri materiali inquinanti" che contribuiscono a creare "un disastro ambientale" poiché "il petrolio e tutti gli scarti di lavorazione hanno ricoperto i campi dove pascolano le pecore e ci sono anche culture agricole".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: