le notizie che fanno testo, dal 2010

M5S: Boldrini si dimetta. Di Maio: conflitto si trasferisce fuori dal Parlamento

Il MoVimento 5 Stelle non sembra intenzionato a cessare le proteste e chiede anche le dimissioni della Presidente della Camera Laura Boldrini

Continua la bagarre a Montecitorio da parte del MoVimento 5 Stelle, che denuncia ogni tipo di mancanza di democrazia e golpe, tanto da aver presentato anche la denuncia per la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. Il M5S chiede ora le dimissioni di Laura Boldrini, Presidente della Camera, e non solo per aver applicato ieri la cosiddetta "tagliola". Questa mattina la Boldrini ha infatti convocato un ufficio di presidenza per avviare un'istruttoria su quanto accaduto in Aula ieri sera, ma M5S lo ha abbandonato per protesta. Su Facebook il pentastellato Riccardo Fraccaro precisa però: "E' stato convocato un ufficio di Presidenza alle 12:00. Per 30 minuti siamo stati lì ad aspettare inutilmente che il Presidente della Camera si presentasse, quindi io e Luigi Di Maio siamo usciti - e prosegue - La Boldrini era comodamente seduta nel suo ufficio e stava facendo un vertice con i partiti di maggioranza per decidere quali sanzioni addebitare al M5S. Praticamente un ufficio di Presidenza a domicilio! Decidono nelle stanze segrete e non nelle sedi istituzionali, per poi ratificare e basta con una votazione fittizia. Boldrini si dimetta". Luigi di Maio su Facebook spiega: "La Presidente Boldrini in aula ha compiuto un atto di imperio. E il Pd di Renzi ha appena regalato 7 miliardi di euro alle banche. Guardate il video della votazione. Mentre scoppiavano i tumulti la Presidente Boldrini ha chiuso la votazione e se n'è andata. Sono stati violati almeno 5 passaggi procedurali. Il bel regalo del Pd e di Sel alle banche. - e poi aggiunge - Quando si sopprimono i diritti dell'opposizione, il conflitto, dal dibattito parlamentare che si svolge a norma di regolamento, si trasferisce fuori dal Parlamento. Quando togli all'opposizione gli strumenti per discutere democraticamente, aumenta l'aggressività in aula. E la responsabilità è del Presidente (Boldrini) che ha strozzato il dibattito parlamentare. E della maggioranza che gliel'ha chiesto. Per me la Presidente Boldrini deve dimettersi. Questo comportamento è pericoloso per il Paese. Mentre tutto questo avveniva, la maggioranza cantava 'Bella Ciao'. Roba da far girare nella tomba i nostri padri della Resistenza. Lo andassero a spiegare a loro che hanno regalato 7 miliardi alle banche".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: