le notizie che fanno testo, dal 2010

M5S: Bersani ok come Presidente della Repubblica ma non alleato di governo?

L'elezione del Presidente della Repubblica si avvicina. La prima votazione è prevista il 29 gennaio e il MoVimento 5 Stelle propone, finalmente, una rosa di nomi ai suoi iscritti. Tra questi, oltre che Romano Prodi, anche Pierluigi Bersani. C'è però chi si domanda: Pierluigi Bersani va bene a Beppe Grillo e al M5S come prossimo Presidente della Repubblica e non andava bene come alleato di governo nel 2013?

L'elezione del Presidente della Repubblica si avvicina, visto che la prima votazione è prevista per giovedì 29 gennaio alle ore 15:00. Il PD ha già annunciato che voterà scheda bianca nelle prime tre elezioni, quando per eleggere il Capo dello Stato servirebbe la maggioranza assoluta del Parlamento. E mentre sembra andare rafforzandosi sempre di più l'intesa, per il Quirinale, tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, ecco che il MoVimento 5 Stelle tenta di mischiare quelle carte che sembrano essere state fin dall'inizio già "servite". Dall'assemblea del gruppo parlamentare M5S è infatti uscita oggi una rosa di nomi che verrà messa in votazione sul blog di Beppe Grillo (e dove sennò?) il 29 gennaio, dalle ore 9:00 alle ore 14:00. Gli iscritti al MoVimento 5 Stelle potranno esprimere una preferenza tra la rosa di nomi proposta cioè: Romano Prodi, in quanto preferenza espressa da alcuni parlamentari del PD, Raffaele Cantone, Lorenza Carlassare, Nino Di Matteo, Ferdinando Imposimato, Elio Lannutti, Paolo Maddalena, Salvatore Settis, Gustavo Zagrebelsky e Pierluigi Bersani. Proprio quest'ultimo nome lascia qualcuno, anche tra gli attivisti M5S, a dir poco perplesso. C'è infatti chi si domanda: Pierluigi Bersani va bene a Beppe Grillo e al M5S come prossimo Presidente della Repubblica (garante supremo della Costituzione) e non andava bene come alleato di governo nel 2013? Se due anni fa, infatti, il MoVimento 5 Stelle avesse deciso di governare con il PD di Bersani, l'Italia non avrebbe avuto i due governi Letta e Renzi, non eletti dal cittadino come i pentastellati spesso amano ricordare, ma forse un esecutivo alla "Tsipras".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: