le notizie che fanno testo, dal 2010

I 20 punti del MoVimento 5 Stelle. Anzi, di Beppe Grillo e Casaleggio

Roberta Lombardi e Vito Crimi confermano che a Napolitano proporranno un "governo 5 Stelle" basato sui 20 punti di programma del MoVimento 5 Stelle. Anzi, di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio. Ecco i venti punti per uscire dal buio.

I capigruppo alla Camera e al Senato M5S, Roberta Lombardi e Vito Crimi, spiegano nel corso della conferenza stampa in diretta streaming sulla web radio-tv La Cosa che quando Beppe Grillo salirà al Colle proporrà come unica soluzione "un governo 5 Stelle" basato sui 20 punti del programma del MoVimento 5 Stelle. Anche quando i giornalisti chiedono se il M5S ha già pronto un nome da proporre per la guida di un governo 5 Stelle, Vito Crimi cerca di evitare la risposta spiegando che (...) "non è importante il nome del premier, ma quello che importa sono i 20 punti di programma". Ma quali sono questi 20 punti del programma del MoVimento 5 Stelle? A renderli noti è stato Beppe Grillo sul suo blog il 6 febbraio 2013, quando il capo politico del M5S ha pubblicato la sua "lettera agli italiani". Il programma del MoVimento 5 Stelle, così come questi "venti punti per uscire dal buio", sono stati infatti scritti e pensati non dagli attivisti attraverso la "democrazia della rete" ma da Beppe Grillo ed il cofondatore del M5S Gianroberto Casaleggio. Gli attivisti 5 Stelle, invece, attendono da anni un portale dove si sarebbe potuto discutere di questo programma, magari ampliandolo o magari eliminando alcuni punti. Il portale, promette per l'ennesima volta Beppe Grillo, è in arrivo, e quindi il MoVimento 5 Stelle si è candidato alle elezioni con un programma scritto solo a 4 mani.

Ecco i "famosi" 20 punti del MoVimento 5 Stelle:
1) Reddito di cittadinanza;
2) Misure immediate per il rilancio della piccola e media impresa;
3) Legge anticorruzione;
4) Informatizzazione e semplificazione dello Stato;
5) Abolizione dei contributi pubblici ai partiti;
6) Istituzione di un 'politometro' per verificare arricchimenti illeciti dei politici negli ultimi 20 anni;
7) Referendum propositivo e senza quorum;
8) Referendum sulla permanenza nell'euro;
9) Obbligo di discussione di ogni legge di iniziativa popolare in Parlamento con voto palese;
10) Una sola rete televisiva pubblica, senza pubblicità, indipendente dai partiti;
11) Elezione diretta dei parlamentari alla Camera e al Senato;
12) Massimo di due mandati elettivi;
13) Legge sul conflitto di interessi;
14) Ripristino dei fondi tagliati alla Sanità e alla Scuola pubblica;
15) Abolizione dei finanziamenti diretti e indiretti ai giornali;
16) Accesso gratuito alla Rete per cittadinanza;
17) Abolizione dell'IMU sulla prima casa;
18) Non pignorabilità della prima casa;
19) Eliminazione delle Province;
20) Abolizione di Equitalia.

A parte il continuo richiamo a questi 20 punti di Grillo, finora non sembra che il MoVimento 5 Stelle abbia però mai affrontato nel dettaglio il problema di come attuarli.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: