le notizie che fanno testo, dal 2010

Ddl scambio politico-mafioso, baragge M5S. Voto rinviato a 15 aprile

Dopo che il vicepresidente del Senato ha applicato la "ghigliottina" al ddl sul voto di scambio politico-mafioso che modifica dell'articolo 416-ter del Codice penale, il MoVimento 5 Stelle inscena una bagarre in Aula, tanto che il voto da oggi slitta a martedì 15 aprile. Anna Finocchiaro si domanda: "Perché i senatori del M5S vogliono bloccare questo provvedimento?".

Dopo che il vicepresidente del Senato ha applicato la "ghigliottina" al ddl sul voto di scambio politico-mafioso che modifica dell'articolo 416-ter del Codice penale, il MoVimento 5 Stelle inscena una bagarre in Aula, tanto che il voto da oggi slitta a martedì 15 aprile, nella seduta pomeridiana. Maurizio Buccarella, senatore pentastellato, lamenta la "vergognosa riduzione di pene per chi fa scambio politico-mafioso decisa alla Camera con l'accordo Pd-Forza Italia-Ncd" ricordando che il testo originario prevedeva "le pene di 7 e 12 anni, la sole che assicurerebbero il carcere e l'interdizione a vita dai pubblici uffici per i politici collusi con le mafie". "Niente sconti ai mafiosi - chiarisce Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia alla Camera -. Il M5S finge di ignorare che la rimodulazione della pena risponde a principi costituzionali di proporzionalità. Finge di ignorare che, per concorso di reati, il mafioso risponderà non solo per la promessa di procurare voti ma anche per l'associazione". Anna Finocchiaro, senatrice del PD, sottolinea invece in una nota: "E' davvero inspiegabile e inaccettabile il comportamento dei senatori del M5S, come non è più tollerabile l'atteggiamento di Beppe Grillo. - precisando - Il PD in Senato ha lavorato oggi, chiedendo di accorciare i tempi della discussione, per arrivare ad una rapida e urgente approvazione del ddl sul 416 ter. Si tratta di un provvedimento importante". La Finocchiaro ammette: "Certo, ha avuto un iter complesso. Ma - ricorda - si tratta di una legge che Raffaele Cantone, Presidente dell'Authority Anticorruzione, e Franco Roberti, Procuratore nazionale Antimafia, hanno definito 'equilibrata' e 'perfetta'". Anna Finocchiaro quindi si domanda: "Perché i senatori del M5S vogliono bloccare questo provvedimento? Il PD vuole che questo provvedimento entri in vigore per poter essere applicato già durante le prossime e ravvicinate campagne elettorali". La senatrice democratica quindi conclude: "Con queste scelte, e con un atteggiamento volgare e provocatorio nelle aule parlamentari, il M5S dimostra di volere solo distruggere le nostre istituzioni e di voler solo fare una becera campagna elettorale. E' evidente una certa difficoltà di consensi, e comprendiamo che la demagogia faccia ormai parte del bagaglio grillino. Ma quello che il M5S sta facendo è qualcosa di grave e ingiusto. Soprattutto per la nostra democrazia".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: