le notizie che fanno testo, dal 2010

Camera, ancora proteste. M5S pubblica video "golpe" su testo legge elettorale

Il MoVimento 5 Stelle sembra, a detta di diversi opinionisti, entrato nel vivo della campagna elettorale per le elezioni europee e conquista le prime pagine di giorni e le aperture dei Tg. Dopo l'indecoroso spettacolo a seguito dell'applicazione della "tagliola" da parte di Laura Boldrini oggi i deputati M5S occuno alcune Commissioni e denunciano un "golpe" sull'appovazione del testo della legge elettorale.

Il MoVimento 5 Stelle, che a detta di molti opinionisti ha iniziato la sua campagna elettorale in vista delle elezioni europee, continua la protesta dopo i tafferugli avvenuti ieri sera alla Camera a seguito dell'applicazione della "tagliola" sul decreto IMU-Banlitalia. Oggi i deputati pentastellati hanno occupato di fatto le aule della commissione Giustizia e Affari Istituzionali e hanno tentato l'occupazione della Commissione Affari Costituzionali. Come scrivono sulla pagina del MoVimento 5 Stelle ospitata all'interno del blog di Beppe Grillo, i pentastellati denunciano però come questa mattina sia avvenuto un "golpe" (l'ennesimo in realtà per il M5S), e spiegano: "In Commissione Affari Costituzionali, secondo i giornali, 'è stato approvato il testo della legge elettorale': non è vero. Nello spazio di pochi secondi, il Presidente della Commissione ha avocato a sé il ruolo di relatore in aula, e ha fatto approvare il testo arrivato da Renzusconi senza alcuna discussione né tantomeno alcuna votazione. Il tutto in mezzo alle proteste del MoVimento 5 Stelle, che ha chiesto il conteggio dei voti, che non è avvenuto. Il Presidente è scappato. I parlamentari non hanno praticamente avuto alcuna possibilità di discutere o emendare il testo di legge, che va in aula così com'è". I deputati M5S pubblicano su Youtube anche un video girato (di nascosto e senza permesso) nell'aula della Commissione Affari Costituzionali, dove si vede l'inizio della rumorosa protesta, con i grillini che si alzano e gridano contro gli altri parlamentari epiteti del tipo "venduti", "sei un dittatore", "sei un ladro" e vari altri insulti. Intanto, in sala stampa Alessandro Di Battista provoca (video da Ta1 News), davanti alle telecamere dei giornalisti presenti, il deputato del PD Roberto Speranza, accusandolo: "Non ti vergogni di fare delle leggi elettorali con i condannati?".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: