le notizie che fanno testo, dal 2010

Contraffazione euro: in diminuizione falsificazione di banconote e monete

Il Mef riporta i dati sulla contraffazione dell'euro.

"Ancora in diminuzione il fenomeno della falsificazione di banconote e monete - viene riferito in un comunicato del Mef -, a quanto risulta dalle segnalazioni di sospette falsità giunte all'Ufficio Centrale Antifrode dei Mezzi di Pagamento (UCAMP) del Dipartimento del Tesoro del Ministero dell'Economia e delle Finanze. I dati sono contenuti nell'ultimo Rapporto sulla falsificazione dell'euro (riferito all'anno 2016) giunto alla sua trentesima edizione e ora disponibile online."

"Il Rapporto mostra come lo scorso anno siano state oggetto di ritiro dalla circolazione e/o di sequestro 169.923 banconote (-21% rispetto al 2015), per un valore nominale complessivo di 7,7 milioni di euro, e 64.621 monete metalliche (-8% rispetto al 2015) per un valore nominale complessivo di 90 mila euro, con un calo in valore, rispettivamente, del 2% e del 4% rispetto all'anno precedente" prosegue il Ministero dell'Economia.

Dal dicastero scrivono quindi: "Il quantitativo maggiore di banconote sospette di falsità e oggetto di ritiro e/o di sequestro riguarda il taglio da 20 euro (68.457 banconote), seguito, quasi alla pari, da quello da 50 euro (65.643). Per quanto riguarda le monete, la maggioranza delle segnalazioni si riferisce al conio da 2 euro (33.270), seguito da quello da 50 centesimi di euro (16.442) e da 1 euro (14.744). L'attività di verifica effettuata dalla Banca d'Italia nel 2016 sui casi sospetti ha accertato come false 147.919 banconote (-9% rispetto al 2015), per un valore nominale complessivo di circa 6,6 milioni di euro (-4% rispetto al 2015). Per quanto attiene alle monete, il Centro di analisi istituito presso l'Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, ha accertato la falsità di 68.300 pezzi (+10% rispetto al 2015), per un valore nominale complessivo di oltre 93 mila euro (+12% rispetto al 2015). I dati delle perizie differiscono perché l'attività di accertamento è ovviamente posticipata rispetto alle segnalazioni ricevute dal Ministero dell'Economia e delle Finanze. La maggior parte dei ritiri, senza considerare quindi i sequestri effettuati dalle forze dell'ordine prima dell'entrata in circolazione, è riconducibile a individuazioni effettuate dalle banche, per quel che concerne le banconote, e dalle agenzie di custodia e trasporto denaro per le monete. L'analisi per area geografica evidenzia come, in termini di numero, il ritiro delle banconote in circolazione si concentri principalmente nelle aree del Nord e, in particolare nel Nord Ovest. Si sottolinea, inoltre, che in Lombardia il fenomeno è rilevante in termini assoluti, mentre in termini relativi (in rapporto, ad esempio, al numero dei residenti) diverse regioni presentano valori più significativi, in particolare in Liguria, Piemonte, Toscana e Lazio."

"Anche in termini di valore, il ritiro delle banconote in circolazione rispetto al numero dei residenti e alla massa di banconote circolanti in Italia mostra una riduzione in confronto al 2015 (-1% rispetto al numero dei residenti e -6% rispetto al circolante), a conferma che il calo del 2016 è sostanziale e non dovuto a fenomeni di natura occasionale" si evidenzia in ultimo.

© riproduzione riservata | online: | update: 25/09/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Contraffazione euro: in diminuizione falsificazione di banconote e monete
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI