le notizie che fanno testo, dal 2010

Ministero Lavoro: voucher saranno tracciabili. Ma non risolve problema uso irregolare

"I voucher per le prestazioni di lavoro accessorio saranno resi pienamente tracciabili" assicura in una nota il Ministero del Lavoro. Rimane il problema dei datori di lavoro che utilizzano i voucher, quindi un lavoro accessorio, al posto di forme contrattuali tipiche, soprattutto nel settore del turismo, del commercio e dei servizi.

"I voucher per le prestazioni di lavoro accessorio saranno resi pienamente tracciabili" assicura in una nota il Ministero del Lavoro, spiegando che "le imprese che li utilizzeranno dovranno comunicare preventivamente, in modalità telematica, il nominativo ed il codice fiscale del lavoratore per il quale verranno utilizzati, insieme con l'indicazione precisa della data e del luogo in cui svolgerà la prestazione lavorativa e della sua durata".
La norma è stata inserita nel primo decreto correttivo dei decreti attuativi del Jobs Act che verrà portato all'approvazione in una delle prossime riunioni del Consiglio dei Ministri.
"La norma, che introduce una modalità di controllo analoga a quella già in essere per il cosiddetto 'lavoro a chiamata', punta ad impedire possibili comportamenti illegali ed elusivi da parte di aziende che - al pari di un cittadino che utilizza il biglietto dell'autobus solo se sale a bordo il controllore - acquistano il voucher, comunicano l'intenzione di utilizzarlo ma poi lo usano solo in caso di controllo da parte di un ispettore del lavoro" spiega il dicastero.
Dall'attività ispettiva è emerso infatti che "le violazioni più ricorrenti in tema di voucher sono rappresentate dall'utilizzo del lavoratore per più ore o più giornate rispetto a quelle dichiarate oppure dal pagamento della retribuzione in parte attraverso buoni lavoro e in parte 'in nero' ".
Rimane il problema dei datori di lavoro che utilizzano i voucher, quindi un lavoro accessorio, al posto di forme contrattuali tipiche, soprattutto nel settore del turismo, del commercio e dei servizi. Il Ministero specifica però che questi "possibili utilizzi irregolari dei voucher" potranno emergere con la "costituzione dell'Ispettorato del lavoro" poiché, viene sottolineato, "l'affidamento a questa agenzia della gestione unitaria delle attività già svolte dagli ispettori del Ministero, dell'Inps e dell'Inail consentirà, infatti, di unificare e potenziare le ispezioni nelle imprese e, di conseguenza, di dedicare maggiori risorse professionali e di tempo al lavoro di controllo e di analisi dei dati ricavabili dall'incrocio delle banche dati".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: