le notizie che fanno testo, dal 2010

Milano: ghanese aggredisce persone in strada con piccone, un morto

Follia per le strade di Milano questa mattina, quando un giovane ghanese irregolare, armato di piccone, ha aggredito i passanti che incontrava nel suo cammino, tra via Adriatico e via Monte Rotondo. Ferite due persone, tra cui uno in maniera grave. Morto invece un uomo di 40 anni, ucciso in piazza Belloveso.

Follia a Milano questa mattina verso le 6:30, quando i pochi (per fortuna) passanti tra via Adriatico e via Monte Rotondo hanno assistito alla tremenda scena (e non di un film alla Romero) di un uomo che, armato di piccone, ha ucciso un uomo e ferito altre due persone. Tutto è successo nel giro di pochi munuti, quando un giovane ghanese irregolare e con precedenti è sceso in strada brandendo un piccone e chissà per quale motivo ha cominciato a colpire, a caso, i passanti che trovava nel suo cammino. La prima aggressione è avvenuta alle ore 6:30 circa in via Adriatico, nei pressi di un parco giochi per bambini, dove il ghanese ha incrociato un uomo di 64 anni e lo ha colpito violentemente alla testa. L'uomo è attualmente ricoverato al Niguarda in condizioni gravissime. La seconda aggressione avviene poco lontano, in piazza Belloveso, con l'immigrato che si scaglia all'improvviso tra i tavolini di un bar gelateria che aveva appena aperto. Ad essere colpito un uomo di 40 anni, abitante nel quartiere, che purtroppo muore. I proprietari del bar, con i pochi clienti presenti a quell'ora, per il panico si sono asserragliati all'interno del locale, chiamando i soccorsi. "La persona colpita è un nostro cliente abituale, una brava persona. - racconta ancora sotto shock il proprietario del bar - Ma poteva capitare a chiunque, anche a me se fossi arrivato più tardi". Infine, l'aggressore si sposta verso via Monte Rotondo, dove ha aggredito un giovane di 21 anni con ripetuti colpi di piccone alla schiena, forse perché la vittima ha tentato di scappare. Il giovane è attualmente ricoverato al Policlinico di Milano, in condizioni gravi. A quel punto i carabinieri sono riusciti a fermare l'aggressore, che aveva ancora in mano il piccone ormai insanguinato. Dopo aver tentato di resistere all'arresto, l'uomo è stato fermato. Sembra che all'immigrato gli era stata intimata l'espulsione nel 2011, dopo essere stato foto-segnalato in Puglia. Indiscrezioni vorrebbero che l'aggressore sia stato nuovamente identificato solo un mese fa, a Milano, nel corso di un normale controllo. Pare che i precedenti a carico del ghanese fossero per rapina, furto, resistenza. All'Ansa, il parroco della chiesa di S. Martino in Niguarda, che si trova in piazza Belloveso, racconta che le persone "sono tutte sconcertate" da quello che sembra un "gesto di un folle".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# bambini# film# furto# Milano# Puglia# rapina# schiena