le notizie che fanno testo, dal 2010

Milano: Vigili con spray peperoncino nella fondina. I Ghisa tutto pepe

Milano incomincia la sperimentazione dello spray al peperoncino con i suoi Vigili urbani. Spray "a getto conico" non "balistico", quindi assolutamente di difesa e non di offesa. "Dovranno comunque utilizzarlo con cognizione di causa" rassicura il vice sindaco Riccardo De Corato.

Arriva una nuova "arma" di difesa per i ghisa milanesi (sono detti "ghisa" a Milano gli agenti della Polizia Municipale, ovvero vigili urbani): lo spray al peperoncino. Si tratta di un'arma di difesa, non di offesa, bisogna precisare, ed è partita la sperimentazione con le prime 10 "bombolette" consegnate ai vigili istruttori di difesa personale e tecniche operative del Reparto Radiomobile, del Nucleo Operativo e del Suos. "Se il test si rivelerà positivo verrà presa in considerazione l'estensione della fornitura a tutti gli agenti che effettueranno servizi esterni sia per la sicurezza sia per la mobilità" dice il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato che ricorda che "Nel 2009 ci sono state 153 aggressioni subite da agenti nelle operazioni di servizio a contrasto di abusivi, ubriachi e violenti. Che sono calate a 110 nel 2010. Questo strumento garantirà ulteriore sicurezza ai vigili. Che dovranno comunque utilizzarlo con cognizione di causa, onde evitare la contaminazione di altri ignari soggetti". Il fatto interessante è che, come si legge in una nota del Comune di Milano, il tipo di spray al peperoncino "è caduta sul 'key defender' ovvero uno strumento la cui modalità di erogazione della sostanza urticante avviene tramite getto conico. Ed è pertanto uno tra i pochissimi modelli di spray autorizzati dal Ministero dell'Interno. Tanto che è in libera vendita. I modelli a getto balistico risultano infatti vietati e rischierebbero di esporre gli agenti al rischio di denunce per porto abusivo d'arma".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: