le notizie che fanno testo, dal 2010

La finanza scende in Piazza: 3 tavole rotonde per l'educazione finanziaria

A Milano, la finanza scende in Piazza Beccaria, per cercare di riavvicinare gli operatori finanziari a risparmiatori e imprese e per spiegare con parole concrete, le ragioni della crisi e le possibili strade da percorrere per tirar fuori dall'impasse l'Euro. Tre tavole rotonde, dalle ore 10:00 alle ore 18:00 di oggi 10 maggio, per portare l'educazione finanziaria al grande pubblico.

Assofinance, associazione nazionale dei consulenti finanziari indipendenti, ha organizzato per oggi 10 maggio la II Edizione di "La Finanza in Piazza", che si svolgerà in una delle principali piazze di Milano, Piazza Beccaria, dalle ore 10:00 alle 18:00. L'incontro ha come obiettivo primario quello di riavvicinare gli operatori finanziari a risparmiatori e imprese, per far sì inoltre che che l'industria del denaro sia più comprensibile e vicina al suo consumatore. Come si legge in una nota stampa, l'iniziativa ha ricevuto la conferma già ottenuta nel corso della prima edizione dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, della Medaglia di Rappresentanza, a porre l’accento sull'unicità dell'evento a livello europeo, che durante la grave congiuntura economica tende a dare risposte concrete e accessibili ai cittadini. Patrocinato da enti istituzionali, associazioni di consumatori, atenei e fondazioni economiche, "La Finanza in Piazza" ha ottenuto una calda accoglienza anche da parte di ricercatori e studiosi di prestigio internazionale, che spiegheranno, con parole concrete, le ragioni della crisi e le possibili strade da percorrere per tirar fuori dall'impasse l'Euro.

Tra gli sponsor iShares by BlackRock e Invesco, i cui manager parteciperanno all'evento in Piazza Beccaria, legata indissolubilmente alle teorie economiche, ma anche ai grandi ideali di giustizia sociale, e che ritorna ad essere il luogo di incontro e di scambio propositivo di concetti. "Con entusiasmo abbiamo deciso di partecipare a questa iniziativa di Assofinance, in quanto riteniamo che l'educazione finanziaria sia il cardine per lo sviluppo della gestione del risparmio nell'ottica dell'interesse di lungo periodo sia degli investitori sia dell'industria stessa" commenta Emanuele Bellingeri, responsabile per l'Italia di iShares. Sergio Trezzi, Country Head per Invesco Asset Management in Italia e Head del Business Retail per l’Europa sottolinea invece che "il messaggio trasmesso da questo evento promosso da Assofinance è chiaro: la priorità deve essere per tutti gli attori dell'industria quella di educare gli investitori su concetti finanziari di base, sui principi fondamentali degli investimenti, sui vantaggi che accompagnano l'atto di investire. - concludendo - Quello che conta è che ogni comunicazione volta al risparmiatore sia chiara, accessibile, e priva di ogni conflitto di interesse".

Gli oratori che interverranno a "La Finanza in Piazza" dovranno tradurre il linguaggio complesso ed arduo della finanza in termini afferrabili dal pubblico, riducendo gli inaccessibili rapporti finanziari e politici di causa ed effetto, in resoconti chiari. Il programma prevede 3 tavole rotonde, ciascuna volta a sviscerare alcuni tra i più pressanti problemi nazionali: "Le banche, il risparmio e l’economia reale: le ragioni di una crisi profonda", "Finanza pubblica, derivati e tenuta del sistema finanziario", "L’Euro tra crisi irreversibile e riforma strutturale. Uscire dalla crisi non significa uscire dall’euro".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: