le notizie che fanno testo, dal 2010

Fusione ATM e Trenord, CUB Trasporti: presidio 20 febbraio a Milano

La CUB Trasporti (Confederazione unitaria di base) annuncia che giovedì 20 febbraio 2014, dalle ore 15:00 alle ore 17:00, verrà organizzato un presidio sotto Palazzo Marino a Milano, contro il progetto di fusione tra ATM e Trenord, spiegando che il progetto "nasconde il chiaro disegno di tagli selvaggi alla spesa".

La CUB Trasporti (Confederazione unitaria di base) annuncia che giovedì 20 febbraio 2014, dalle ore 15:00 alle ore 17:00, verrà organizzato un presidio sotto Palazzo Marino a Milano, contro il progetto di fusione tra ATM e Trenord, anticipando già che un secondo presidio sarà presso la Regione Lombardia, giovedì 6 marzo 2014. Il sindacato di base spiega che la manifestazione è indetta per "difendere il sistema di trasporto pubblico milanese", spiegando che "tale progetto si inserisce nella logica della politica di tagli, dismissioni e privatizzazioni messa in atto dalla Giunta Pisapia, che aggravano lo stato già miserevole dei lavoratori e deteriorano ulteriormente i servizi i ai cittadini". In una nota, la CUB Trasporti quindi analizza: "La presunta opportunità di sviluppo, di offerta e qualità del servizio di pubblico trasporto locale, conseguente alla fusione tra ATM (controllata dal Comune di Milano) e Trenord (controllata da Regione Lombardia), nasconde il chiaro disegno di tagli selvaggi alla spesa - abilmente somministrato dalle nostre amministrazioni come 'razionalizzazione' - e la precisa volontà di Roberto Maroni di controllare la sua tanto amata 'macro regione del nord' attraverso le consuete logiche di lottizzazione". Il sindacato denuncia quindi che "questa fusione tra società avvia una serie di manovre finanziarie, scorpori (la Metropolitana?), appalti e privatizzazioni (servizio di superficie?), di cui lavoratori e cittadini vengono tenuti all'oscuro. - e conclude - Per poter distribuire privilegi e bonus ai soliti amici, non si esita a sacrificare il servizio pubblico, che, già da tempo insufficiente, ne risulterà inevitabilmente, ulteriormente peggiorato".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: