le notizie che fanno testo, dal 2010

Seedorf regala prima vittoria al Milan. Napoli, solo un pari

La squadra di Allegri fa un bel balzo in classifica grazie alla tanto attesa prima vittoria in campionato, arrivata ieri sera contro il Cesena, raggiungendo quota 5 punti e superando l'Inter che ha vinto nel pomeriggio a Bologna. E' solo 0 a 0 tra Napoli e Fiorentina, con i viola più propositivi grazie alla velocità di Cerci e Jovetic.

Un gol al Cesena equivale a un calcio ai fantasmi. Nell'anticipo della 5a giornata ci pensa Seedorf a regalare la prima vittoria nel campionato italiano di Serie A al Milan, orfano di due attaccanti del peso di Ibrahimovic e Pato. I rossoneri salgono quindi a quota 5 in classifica, superando di un punto i "cugini" dell'Inter (vittoriosi nel pomeriggio a Bologna). In attacco per la squadra di Allegri ci sono Cassano e El Shaarawy, dietro di loro spazio a Emanuelson che fa rifiatare Aquilani, lasciato in panchina. Il Cesena risponde Candreva e Martinez che supportano Mutu centravanti. Ci vogliono solo 6' al Milan per far capire che questa è la serata giusta. Seedorf fa partire un tiro-cross dalla sinistra (l'olandese assicura che voleva tirare) che si deposita alle spalle del portiere Ravaglia. A questo punto la partita potrebbe diventare a senso unico, con il Cesena che cerca il pareggio lasciando spazi ai campioni. Non è così, perchè gli uomini di Allegri non affondano mai il contropiede, preferendo il fraseggio a centrocampo con Seedorf a dirigere. Non ci sono quindi spazi per i bianconeri di Giampaolo che rischiano sulle incursioni dell'olandese e di Cassano che reclama anche un calcio di rigore. Nel finale c'è spazio per il ritorno di Filippo Inzaghi che però non riesce a trovare il guizzo per chiudere la partita. I rossoneri comunque vincono dopo due pareggi e una sconfitta, firmata Napoli. E proprio i partenopei, pareggiando contro la Fiorentina, non riescono a continuare a dimostrare quanto di buono hanno fatto in questo inizio di stagione, sia in campionato che in Champions League. E' uno 0 a 0 che racconta dei viola più propositivi, soprattutto nella figura di Cerci che è sempre pronto a saltare l'uomo e a costringere l'esterno azzurro Dossena a fare gli straordinari. Il portiere partenopeo De Santis è il più attivo dei suoi, grazie alle conclusioni respinte a Jovetic (anche lui ispiratissimo), Montolivo e Natali. Alla lunga, però, la squadra di Mazzarri viene fuori presentandosi svariate volte nell'area avversaria. Due di queste diventeranno materiale per la moviola. Il Napoli reclama infatti prima un rigore per un fallo di mano di Pasqual su cross di Zuniga, e poi per una trattenuta di Cassani su Hamsik. L'arbitro Valeri lascia proseguire. Sul finale entrano anche Pandev e Santana per l'assalto azzurro, ma il Napoli si deve accontentare del punto che gli permette di salire momentaneamente in vetta alla classifica, così come la Fiorentina, al pari di Juve, Udinese e Genoa che giocheranno in giornata.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: