le notizie che fanno testo, dal 2010

Andrea Pazzagli: muore a 51 anni l'ex portiere del Milan e cantautore

Tutti descrivono Andra Pazzagli, ex calciatore del Milan prematuramente scomparso all'età di 51 anni, come un "ragazzo d'oro" che "sapeva rendere molto più allegro il gruppo nei momenti più difficili", come lo ricorda l'amico Tassotti.

"Andrea era una grande persona. Abbiamo perso un uomo che ha fatto parte della famiglia del Milan ed è un giorno triste per questa società" commenta così la notizia della prematura scomparsa di Pazzagli, ai microfoni di Milan Channel, l'allenatore del Milan Massimiliano Allegri. Andrea Pazzagli, 51 anni, ex portiere rossonero, è infatti morto durante quella che doveva essere una tranquilla vacanza con la famiglia a Punta Ala (Grosseto), probabilmente per un infarto. Prima di passare al Milan, Andrea Pazzagli si era fatto notare nel Perugia e nell'Ascoli, tanto che sul sito dei bianconeri campeggia un nastro nero in segno di lutto, con una nota dove "il Presidente Roberto Benigni, la Dirigenza, i calciatori e lo staff tutto" si dicono "profondamente colpiti dall'improvvisa ed immatura scomparsa" di colui che aveva difeso la "porta bianconera negli anni 1986-87-88" esprimendo "il più sincero e sentito cordoglio" alla famiglia del calciatore. Col Milan di Arrigo Sacchi Andrea Pazzagli contribuisce alla conquista di una Coppa dei Campioni, una Supercoppa italiana, due Supercoppe europee e due Intercontinentali. Molto addolorato anche l'amico ed ex compagno di squadra Mauro Tassotti che spiega a Milan Channel come la notizia della morte di Andrea Pazzagli abbia "lasciato tutti senza parole". "Se n'è andato un ragazzo d'oro, splendido, solare, sempre pronto a scherzare e fare gruppo, con una famiglia adorabile - continua nel ricordo Tassotti - Era un ragazzo educato e anche nel periodo in cui qui al Milan c'era una grande concorrenza per il ruolo da titolare, ha sempre avuto una grande compostezza. Sapeva rendere molto più allegro il gruppo nei momenti più difficili". Pazzagli ha anche militato nel Bologna e a Roma, e infine in C1 con il Prato, e una volta chiusa la sua carriera da portiere è diventato prima allenatore dei portieri nel Milan e nella Fiorentina per poi essere, dal 2001, il preparatore dei portieri delle Nazionali giovanili azzurre. Una volta lasciata la carriera calcistica Andrea Pazzagli si è dedicato anche alla sua seconda grande passione, la musica, tanto che il suo ultimo album, "Spero che esistano gli angeli" è stato anche premiato con un diploma ad honorem per i suoi contenuti dal grande autore Mogol.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: