le notizie che fanno testo, dal 2010

Microsoft annuncia altri 7.800 licenziamenti

Microsoft si appresta a licenziare altre 7.800 persone dopo i tagli dello scorso anno seguiti all'acquisizione di Nokia che sono costati, in totale, circa 18.000 posti di lavoro. I licenziamenti riguarderanno soprattutto i lavoratori che lavorano allo sviluppo hardware degli smartphone

Microsoft si appresta a licenziare altre 7.800 persone dopo i tagli dello scorso anno seguiti all'acquisizione di Nokia che sono costati, in totale, circa 18.000 posti di lavoro. I licenziamenti, stando a quanto si apprende, avverranno a livello globale ma riguarderanno soprattutto i lavoratori che lavorano allo sviluppo hardware degli smartphone. Al 30 marzo Microsoft aveva 118.600 dipendenti, ed i tagli rappresentano quindi quasi il 7% della sua forza lavoro. Ad annunciare i licenziamenti è stato il Ceo Satya Nadella, successore di Steve Ballmer che ha voluto acquistare la Nokia nonostante le numerose critiche che all'epoca gli piombarono addosso. Ed infatti, una volta divenuto chief executive, Nadella ha immediatamente anticipato che avrebbe apportato delle modifiche aggressive per rivitalizzare la società, la quale ha abbandonato lo sviluppo di nuovi smartphone per dedicarsi soprattutto ai servizi cloud e del software mobile.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: