le notizie che fanno testo, dal 2010

Santoro e Rai citati da Fiat per Annozero: chiesti 20mln di danni

La quantificazione del danno per la Fiat a seguito della trasmissione del 2 dicembre di Annozero sarebbe di 20 milioni di euro. Santoro è tranquillo: "Aspettiamo di poter leggere le loro motivazioni per difenderci adeguatamente nelle sedi opportune".

Galeotta fu la prova su strada tra una Mini Cooper, una Citroën DS3 e un'Alfa Mito organizzata per la trasmissione Annozero di Michele Santoro e le conclusioni che ne sono state tratte in studio. La puntata è quella di Annozero del 2 dicembre intitolata "Forse Italia" e tutti possono rivederla e farsi un opinione sul sito della trasmissione (http://tinyurl.com/2v6pn5b).
La Fiat sembra abbia deciso di citare in giudizio la Rai e Annozero chiedendo un congruo risarcimento. Fiat infatti non avrebbe gradito il servizio e i toni della trasmissione rivolti al suo modello Alfa Mito tanto da chiedere alla Rai e a Santoro, pare fino a 20 milioni di euro.
Si parla anche (compresa nella quantificazione del danno) di una "campagna pubblicitaria ad hoc, al fine di ridurre gli effetti pesantemente negativi della trasmissione" come riporta il quotidiano di Torino "La Stampa" (http://tinyurl.com/3x223p4) in un articolo dove si spiega, di prima mano, la visione dei legali di Fiat sulla questione.
Dall'altra parte Annozero e Michele Santoro dichiara di sentirsi sereno: "Tranquilli e sicuri aspettiamo di poter leggere le loro motivazioni per difenderci adeguatamente nelle sedi opportune, come sempre".

© riproduzione riservata | online: | update: 17/12/2010

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

argomenti correlati:
euro Fiat Italia Michele Santoro Rai Torino
social foto
Santoro e Rai citati da Fiat per Annozero: chiesti 20mln di danni
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI