le notizie che fanno testo, dal 2010

Berlusconi da Santoro ma "nessun duello finale o vendetta"

Silvio Berlusconi oggi da Michele Santoro a Servizio Pubblico, su La7 o via streaming su internet. Ma Santoro promette a Berlusconi: "Non avremo un duello finale, non avremo una resa dei conti, non avremo nessuna vendetta".

Grande attesa per la partecipazione di Silvio Berlusconi da Michele Santoro, oggi 10 gennaio alle ore 21:10 a Servizio Pubblico (su La7 ma anche via streaming su internet). L'ultima volta che Berlusconi andò da Santoro risale a ben 18 anni fa, quando il giornalista conduceva su Rai 3 "Tempo Reale". Era il 13 aprile 1995 e, nonostante in molti lo stiano cercando, non esiste su Youtube neanche un breve video dello storico incontro tra Santoro e Berlusconi, e questo nonostante la trasmissione, paradossalmente, cercava di anticipare, concettualmente, la capacità di internet di diffondere in "tempo reale", appunto, le informazioni. Dopo aver condotto Tempo Reale, Michele Santorò migrò dalla Rai a Mediaset per condurre Moby Dick su Italia 1, per poi tornare nel 1999 alla Rai. Ora Silvio Berlusconi torna, dopo quasi un ventennio, nella "tana del lupo", oltretutto trasferitasi a La7, ambiente che il Cavaliere non considera proprio di parte, sua naturalmente.

Ma già il 20 dicembre 2012, quando Michele Santoro diede il primo annuncio dell'imminente faccia a faccia , il giornalista rassicurò Berlusconi che accettare l'invito a Servizio Pubblico non sarebbe stato di sicuro la fine del mondo. Introducendo la trasmissione, Michele Santoro si rivolge infatti direttamente al Cavaliere, spiegando: "Come vede caro Berlusconi, intorno a noi c'è una grande confusione, siamo a Natale, sembra Pasqua, lei è risorto e accetta di venire a Servizio Pubblico. Mi permetterà di osservare che questo solo annuncio è già una conferma del fatto che quel famoso editto bulgaro fu un errore tragico. Un errore che stiamo ancora pagando tutti, e io credo che lo stiano pagando anche le sue aziende. Lei ha ragione, ci ha fatto cacciare dalla televisione ma non è poi che i tecnici di Monti o del PD ci abbiano richiamato a quello che una volta era il nostro posto. Quindi vuol dire che questo editto si fa veramente fatica a cancellarlo dalla scena del nostro Paese". Michele Santoro continua facendo poi notare a Berlusconi che "per quanti spazi uno possa avere" l'aver accettato l'invito a Servizio Pubblico "dimostra che comunque c'è sempre bisogno di un altro spazio nel quale ci sono delle persone, che quando si trovano di fronte a te non possono essere sospettate di connivenza e siano considerate anche persone che non ragionano per conto terzi". Santoro però promette a Berlusconi: "Voglio rassicurarla in una maniera solenne davanti al nostro pubblico: se lei accetterà di mettere piede in questo studio come ha detto noi non avremo un duello finale, non avremo una resa dei conti, non avremo nessuna vendetta. Avremo semplicemente una trasmissione televisiva nella quale un leader politico si troverà di fronte a dei giornalisti".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: