le notizie che fanno testo, dal 2010

Maltrattamenti asili nido: ok telecamere ma approfondire fenomeno, chiede Brambilla (Fi)

"Il maltrattamento 'istituzionale', cioè compiuto su soggetti deboli da persone che se ne occupano per professione e dovrebbero essere i primi a difenderli, è un fenomeno certamente in crescita e comunque abbastanza diffuso da meritare un approfondimento", espone in un comunicato la deputata di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla.

"Il maltrattamento 'istituzionale', cioè compiuto su soggetti deboli da persone che se ne occupano per professione e dovrebbero essere i primi a difenderli, è un fenomeno certamente in crescita e comunque abbastanza diffuso da meritare un approfondimento, magari attraverso una specifica indagine conoscitiva o comunque ascoltando la voce degli operatori e degli esperti" rivela in un comunicato la deputata di Forza Italia Michela Vittoria Brambilla.

La presidente della Commissione per l'infanzia e l'adolescenza puntualizza quindi: "Appare quanto mai opportuna la proposta avanzata da Forza Italia, attualmente all'esame della Camera, che prevede, con alcune limitazioni e con altre misure di prevenzione, l'installazione di telecamere di videosorveglianza in asili e strutture per anziani e disabili. Però, oltre alla tecnologia, occorre mettere in campo iniziative per rafforzare il patto di fiducia tra famiglia e istituzioni formative o scolastiche, che non possiamo permetterci di mettere in discussione."

"Quindi: condizioni di lavoro meno stressanti, un ragionevole rapporto numerico tra bambini e maestri, frequenti corsi di aggiornamento, uno sforzo generale di innalzare gli standard di qualità degli operatori, che devono essere capaci di leggere i fattori di rischio anche tra i colleghi, superando qualsiasi forma di omertà, e riconoscere precocemente i segni del maltrattamento. - chiarisce - Nel 2009 introducemmo, all'art.61 del codice penale, un'aggravante per delitti contro minorenni commessi 'all'interno o nelle adiacenze di istituti di istruzione o di formazione'."

"Io da tempo penso che quel discorso vada completato e perciò, nel febbraio scorso, ho depositato una proposta di legge che aggiunge il caso di altre vittime in condizioni di particolare debolezza. - rammenta infine - Se questa proposta sarà approvata, diventerà aggravante 'l'avere commesso il fatto in danno di persona ricoverata presso strutture sanitarie o presso strutture socio-sanitarie residenziali o semiresidenziali ovvero in danno di soggetto minore ospitato presso comunita' familiari o comunita' socio-educative'."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: