le notizie che fanno testo, dal 2010

Michael Jackson: in file top secret FBI prove degli abusi su minori?

Il Sunday People spiega di aver avuto accesso a documenti top secret dell'FBI, che rivelerebbero come Michael Jackson avrebbe messo a tacere lo scandalo degli abusi su minori versando 35 milioni di dollari alle vittime e alle loro famiglie.

Michael Jackson avrebbe pagato 35 milioni di dollari per comperare il silenzio di almeno due dozzine di giovani ragazzi che avrebbero subito abusi sessuali dal Re del Pop nell'arco di 15 anni. Lo sconvolgente scoop arriva dalle pagine del Sunday People che avrebbe avuto accesso a documenti top secret dell'FBI, che rivelerebbero come Michael Jackson avrebbe messo a tacere lo scandalo versando milioni di dollari alle vittime e alle loro famiglie. Il Sunday People spiega che tali documenti, classificati CADCE MJ-02463 e CR 01046, non sono stati trasmessi ai pubblici ministeri nel corso del processo del 2005 contro Michael Jackson, che si concluse con l'assoluzione della rockstar dall'accusa di abusi sessuali su minori.

Stando a quanto scrive il Sunday People, l' FBI avrebbe migliaia di pagine di prove risalenti al 1989 che indicherebbero come Jacko avrebbe molestato dei bambini, a volte proprio sotto il naso dei loro genitori. I file dell'FBI includerebbero rapporti investigatori privati, trascrizioni telefoniche e ore di nastri audio. A quanto pare, molti dei rapporti in mano all'FBI sarebbero stati commissionati da Michael Jackson in persona, quando assunse l'investigatore privato Anthony Pellicano che doveva assicurarsi del fatto che i genitori dei ragazzi non avrebbero mai avuto intenzione di sporgere denuncia. Nel 2002 Anthony Pellicano venne però indagato per aver piazzato delle microspie ai danni di star come Sylvester Stallone, e a quel punto, sempre secondo il Sunday People, l'FBI sequestrò tutti i suoi file, compresi quelli che racchiudevano tutti gli scheletri nell'armadio di Michael Jackson.

La notizia potrebbe sconvolgere, oltre che i milioni di fan del Re del Pop scomparso all'età di 50 anni nel 2009, i figli di Michael Jackson, Prince (16 anni), Paris 15 (anni) e Blanket (11 anni). Solo 3 settimane fa, Paris ha cercato di uccidersi tagliandosi i polsi, tanto che è ancora in ospedale. Inoltre, la memoria di Michael Jackson dovrà fare i conti anche con le accuse di Wade Robson, ballerino e coreografo australiano famoso per aver diretto star come gli 'N Sync, Britney Spears e Demi Lavato. Wade Robson, infatti, ha di recente affermato di essere stato molestato da Jacko a Neverland, parco giochi della superstar sita nella campagna californiana, dal 1990. Il coreografo sostiene che l'abuso sarebbe iniziato quando aveva solo sette anni e che Michael Jackson avrebbe continuato ad abusare di lui fino a quando aveva 14 anni. Secondo quanto letto dal Sunday People, i file dell'FBI sembrano confermare le accuse di Wade Robson.

Inoltre, un ex collaboratore di Anthony Pellicano, che attualmente sta scontando una condanna di 15 anni per racket e intercettazioni, avrebbe confermato al giornale come l'investigatore aveva lavorato per "dimostrare che il suo cliente fosse innocente", contattando direttamente le famiglie delle vittime. La fonte del Sunday People afferma che "alla fine c'erano almeno 10 scatole piene di documenti su Michael Jackson" che dimostrerebbero come il re del Pop sia stato un "predatore seriale di bambini". Tutti questi file, secondo l'ex collaboratore di Anthony Pellicano, sarebbero in mano all'FBI ben prima del 2005 ma, osserva la fonte: "Se questi documenti sarebbero saltati fuori, la carriera di Jackson sarebbe finita". Così come tutto il business che vi girava attorno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: