le notizie che fanno testo, dal 2010

Michael Douglas: cancro alla gola da HPV, colpa e cura è cunnilingus

Dopo Angelina Jolie, è il turno di Michael Douglas nel fare outing, diagnostico naturalmente. Michael Douglas afferma infatti che a causare il suo cancro alla gola non sono state né le sigarette né la sua vita troppo spesso sregolata, ma il sesso orale. Sarebbe stato l'HPV (papilloma virus umano) a fargli sorgere il cancro alla gola che, afferma sempre l'attore, sarebbe stato curato anche continuando ad esercitare il cunnilingus.

Dopo che Angelina Jolie ha scelto il The New York Times per "sdoganare" la mastectomia preventiva, è il turno di Michael Douglas, che sceglie il The Guardian per rivelarele le cause del cancro alla gola che l'ha colpito nel 2010. Dopo aver interpretato i personaggi che l'hanno reso celebre nel mondo, da un'aurea sempre virile e veniale come Dan Gallagher in Attrazione fatale, Nick Curran in Basic Instinct e Gordon Gekko in Wall Street, nel 1992 Michael Douglas, al culmine del successo, viene ricoverato per uscire dal tunnel della droga e dell'alcol, di cui era diventato dipendente. Le sigarette, invece, Michael Douglas ha continuato a fumarle fino a che non gli è stato diagnosticato il cancro alla gola, e qualcuna persino subito dopo la sua guarigione. Michael Douglas, infatti, nel luglio del 2011, era stato paparazzato sul suo yacht al largo di Porto Venere, in Liguria, mentre "si gustava" una sigaretta. Allora, Michael Douglas non aveva commentato gli scatti, ma dopo le dichiarazioni rilasciate al The Guardian quel gesto da molti considerato come "folle" potrebbe avere tutto un altro significato.

Michael Douglas da Cannes, dove ha presentato il film Behind the Candelabra che lo vede interpretare la storia del pianista Liberace e della sua storia d'amore con Scott Thornson (ruolo ricoperto da Matt Damon), afferma infatti di non avere rimpianti per il suo passato vizioso perché, sostiene, il cancro alla gola è stato in realtà "causato dall'HPV (papilloma virus umano), attraverso il cunnilingus". In altre parole, il tumore non sarebbe sorto per una vita troppo a lungo sregolata, e neanche dalla preoccupazione di veder finire il figlio Cameron in carcere per possesso e spaccio di droga, ma per aver praticato del sesso orale. "Lo stress causato dalla carcerazione di mio figlio ha sicuramente aiutato ad innescare" il cancro alla gola, ammette Michael Douglas, ma ribadisce che "è stato l'HPV a causare il tumore" aggiungendo persino che "il cunnilingus è anche la migliore cura". Basta naturalmente quest'ultima frase per comprendere la non affidabilità della "diagnosi", su cui Michael Douglas non vuole scendere nei "particolari", forse anche perché nel settembre del 2010 la moglie Catherine Zeta-Jones ha scoperto di essere positiva al papilloma virus.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: