le notizie che fanno testo, dal 2010

Iris: stasera 13 ottobre Storie di Cinema: Giulietta Masina protagonista

"Giulietta Masina è la protagonista del primo appuntamento con 'Storie di Cinema', il settimanale a cura di Tatti Sanguineti, in onda su 'Iris ' dal 13 ottobre, ogni martedì, in seconda serata. «Di Federico Fellini si sa tutto, di Giulietta Masina si sa ben poco e poco si è scritto: è il personaggio più dimenticato del cinema italiano», spiega Sanguineti", viene annunciato in un comunicato del gruppo milanese.

"Giulietta Masina è la protagonista del primo appuntamento con 'Storie di Cinema', il settimanale a cura di Tatti Sanguineti, in onda su 'Iris' dal 13 ottobre, ogni martedì, in seconda serata. «Di Federico Fellini si sa tutto, di Giulietta Masina si sa ben poco e poco si è scritto: è il personaggio più dimenticato del cinema italiano», spiega Sanguineti. «Sono lontani i tempi in cui si parlava di lei come un'erede di Charlie Chaplin di cui ereditava la bombetta, il famosissimo chapeaun-melon »" riporta in una nota Mediaset.
"Ed è Gianfranco Angelucci - vicinissimo a Fellini e Masina sin dal 1970 - ad offrire un ricordo, una testimonianza, che è anche una ricostruzione e un'indagine, sull'attrice e moglie di uno dei più grandi registi di tutti i tempi. «Angelucci - racconta Sanguineti - era uno studente in storia dell'arte, quando incontra il regista all'Hotel Plaza. Fellini inizia a farlo lavorare con sé, con compiti che oscillano fra il privato e il segretissimo, con ruoli che gli permetteranno di seguire anche la lavorazione, lo sviluppo e la stampa di 'Amarcord'». Le rivelazioni sulla vita privata e professionale di Giulietta Masina saranno molte" prosegue l'azienda del gruppo Fininvest.
"A partire dalle sue origini («all'età di tre anni la bambina, illegittima, fu trapiantata a Roma da una zia materna, vedova, ricchissima, giovanissima e senza figli»), proseguendo con il sequel mai realizzato de 'I vitelloni' («la Masina, che rischiava di perdere il film della sua vita, la favola senza tempo de 'La strada', convince Franco Interlenghi a chiedere un cachet talmente alto da far saltare il progetto»), sino ad un'inconfessabile liaison («Fellini, impegnato ne 'La dolce vita', incoraggiò la relazione segreta della moglie con il marito di Valentina Cortese, l'attore americano Dick Basehart, il funambolo de 'La strada'»). «Giulietta Masina - chiosa il critico savonese - non era affatto o soltanto la ragazza che faceva le lasagne e che rimpannucciava un disegnatore solitario, smilzo, affamato. E la sua vita - conclude Sanguineti - assomigliava alla storia di Gelsomina molto, ma molto di più di quanto sapessimo o potessimo immaginare»" rende noto al termine la società guidata da Fedele Confalonieri.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: