le notizie che fanno testo, dal 2010

Fine del mondo 2012: tra transito di Venere e macchie solari

Mancano poche ore al 21 dicembre 2012 e mentre la Rete moltiplica il tam tam sulla fine del mondo spuntano teorie che vorrebbe la profezia Maya legata in qualche maniera al transito di Venere e alle macchie solari, che avranno un picco proprio nel 2013.

Manca ormai poco allo scoccare del 21 dicembre 2012, e in questi ultimi giorni il tam tam sulla fine del mondo è diventato naturalmente più esasperante. Tra le tante teorie catastrofiste, c'è quella che vorrebbe legata la data del 21 dicembre 2012 con il recente transito di Venere e l'aumento delle macchie solari. In realtà, nessuna profezia Maya vorrebbe il passaggio di Venere tra la Terra e il Sole quale evento significativo per la fine del mondo. Ma alcuni studiosi del "settore" hanno ipotizzato come il transito di Venere avrebbe provocato ogni volta "strani" fenomeni sulla Terra. Come è noto i transiti di Venere avvengono con uno "schema che si ripete ogni 243 anni, con coppie di transiti separate da un intervallo di 8 anni che si ripetono in periodi più ampi di 121,5 e 105,5 anni". L'ultima coppia del transito di Venere è avvenuta infatti prima l'8 giugno 2004 e poi il 6 giugno 2012. Qualcuno però ha cominciato ad andare a ritroso nel tempo per comprendere se in corrispondenza dei passati transiti di Venere fosse successo sulla Terra qualcosa di particolare, visto che i Maya stabilirono accuratamente il corso del secondo pianeta del nostro Sistema Solare. Per i Maya, inoltre, il loro dio Kukulkán, il serpente piumato, compiva un viaggio nel mondo inferiore che veniva simboleggiato proprio dalla scomparsa e ricomparsa di Venere nel cielo. Ecco quindi che in Rete si legge che nel corso degli otto anni di transito di Venere tra il 1518-1526, oltre al fatto che la flotta guidata da Magellano circumnavigò per la prima volta la Terra, Hernán Cortés invase e conquistò il Messico. La leggenda vuole inoltre che, nell'arco di questi due transiti di Venere, in Messico si siano registrati strani fenomeni in cielo, spesso descritti come "scudi" o fasci di luce, ma anche come una "colonna di fuoco" apparsa all'orizzonte per circa un anno, come avrebbe riportato il missionario spagnolo Bernardino de Sahagún.

Un successivo transito di Venere avvenne tra il 1631 e il 1639, e a quanto pare subito dopo questo ciclo di 8 anni ci fu per 70 anni (dal 1640 e il 1710) una interruzione delle macchie solari, tanto che nel nord Europa si registrò una piccola età glaciale, anche se a ben vendere questa iniziò nel XIV secolo per terminere intorno alla metà del XIX secolo. Intorno al 1850 le temperature infatti ripresero ad aumentare, e a questo viene associata la ripresa sempre più frequente delle macchie solari, con un picco registrato tra il 1916-17, tanto che qualcuno azzarda il fatto che la I Guerra Mondiale fu "stimolata" dalle energie emesse dal Sole. Per questo motivo alcune teorie vorrebbero una connessione tra i calcoli astronomici dei Maya, il transito di Venere e le macchie solari, che come è noto avranno un nuovo picco proprio nel 2013, tanto che poco tempo fa la National Academy of Sciences e la NASA hanno previsto una possibile "apocalisse magnetica" che bloccherà e guasterà tutte le apparecchiature elettroniche. A far preoccupare è naturalmente il fatto che la Terra non ha mai vissuto un picco di macchie solari dopo l'avvento della cività "elettromagnetica", ed in effetti le previsioni in tal senso non sembrano essere proprio rassicuranti, visto che verrebbe calcolato che le eruzioni solari del 2013 saranno paragonabili a 100 bombe H, tanto che gli esperti ipotizzano una possibile distruzione dell'economia di Europa e USA. Ma non solo. Le macchie solari, secondo queste tesi, provocherebbero anche disastri naturali, e da qui un nuovo collegamento con i Maya. L'era del quarto Sole dei Maya (26mila anni fa) sarebbe infatti terminata con un diluvio, mentre il tempo del quinto Sole dovrebbe finire tra terremoti e impatti di oggetti cosmici come gli asteroidi. A partire dal 21 dicembre 2012, naturalmente.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: