le notizie che fanno testo, dal 2010

Landini: Sergio Cofferati come Alexis Tsipras per ritrovare etica e morale

Maurizio Landini non sa se il modello Syriza è esportabile in Italia ma sebra essere convinto che Sergio Cofferati, che ha lasciato il PD, potrebbe essere il nostro Alexis Tsipras, l'uomo cioè capace di battere Matteo Renzi e far ritrovare alla politica quell'etica e quella morale di cui ormai si è persa traccia anche perché, sottolinea il sindacalista, "la sinistra non c'è più in Italia".

"La sinistra non c’è più in Italia. Il dato, purtroppo, è ufficiale e definitivo. Siamo innanzi a un passaggio di drammatica rottura nella storia politica e sindacale del Paese" precisa senza troppi giri di parole Maurizio Landini, segretario della Fiom, che nel corso di una intervista al Corriere.it rivela di pensare non ad un nuovo partito ma "a nuove forme di aggregazione, a tante persone che possono finalmente tornare a partecipare, organizzandosi nella forme che più ritengono opportune". Landini si fa però immeditamente da parte. Non sembra intenzionato ad essere lui il nuovo leader, indicando in Sergio Cofferati l'uomo capace di battere Matteo Renzi sul piano politico. Forse il modello Syriza non è esportabile in Italia, emmette Landini, ma il sindacalista sembra essere convinto che Sergio Cofferati potrebbe essere il nostro Alexis Tsipras per poter ritrovare quell'etica e quella morale di cui ormai si è persa traccia, sottolinea Landini. Il segretario della Fiom sottolinea: "il PD s’era dotato delle primarie, immaginando, sperando che potessero essere uno strumento capace di determinare novità e partecipazione. - ma - Nelle primarie del Pd prevalgono lobby e logiche di potere, perché pur di vincere è lecito portare a votare i fascisti, perché diventa secondario che siano state riscontrate irregolarità". Inoltre, Maurizio Landini ricorda che quando disse "gli onesti sono contro Renzi" il primo a rispondergli fu "il presidente del PD, Matteo Orfini. - rammentando però - Peccato che adesso sia proprio lui, Orfini, con i gradi di commissario straordinario, a dover indagare sulla palude del malaffare in cui galleggia il PD a Roma".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: