le notizie che fanno testo, dal 2010

Renzi: troppi politici ma io fino al 2023. Alla guida del "governo del primo ministro"?

Matteo Renzi chiede di votare Sì al referendum costituzionale che si terrà ad ottobre perché così un politico su tre andrà a casa. Tra questi però non ci sarà Renzi, che annuncia (o minacci?) di voler rimanere al potere fino al 2023.

Matteo Renzi continua la sua campagna per il Sì al referendum costituzionale che si terrà ad ottobre e sostiene che molti politici sono contro di lui solo perché con la riforma della costituzione "uno su tre va a casa". Per il premier infatti "abbiamo troppi politici in Italia" e spiega che "la riduzione dei politici in Italia è la priorità per essere credibili". Renzi però non sembra pensare di essere tra questi politici superflui tanto che annuncia (o minaccia, a seconda di chi lo ascolta) di voler rimanere al potere fino al 2023.

D'altronde, non è difficile immaginare che il sogno di Renzi sia essere, almeno per un quinquennio, alla guida di quel "governo del primo ministro" che la riforma costituzionale rischia di instaurare. Il "governo del primo ministro" è una formula usata, incredibilmente per dei costituzionalisti, dai saggi convocati al Quirinale da Re Giorgio e che nella dottrina italiana definisce lo Stato fascista, come ha già da tempo avvertito Gianni Ferrara, professore emerito di Diritto costituzionale a La Sapienza di Roma.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: