le notizie che fanno testo, dal 2010

Renzi risponde a don Patriciello. Ma su Terra dei Fuochi nessun hashtag

Matteo Renzi avrebbe telefonato a don Maurizio Patriciello, dopo che il sacerdote ha pubblicato su Facebook una lettera aperta dove invita il premier non solo a tornare nella Terra dei Fuochi ma anche a risolvere definitivamente "un dramma epocale". Il silenzio delle istituzioni sulla Terra dei Fuochi continua però ad essere assordante, e rimbomba anche su Twitter e Facebook dove Matteo Renzi, sempre così attivo, non lancia nemmeno un hashtag.

Ieri don Maurizio Patriciello ha pubblicato su Facebook una lettera aperta a Matteo Renzi, dove invita il premier non solo a tornare nella Terra dei Fuochi ma anche a risolvere definitivamente "un dramma epocale" che continua a svolgersi quotidianamente. Alcuni quotidiani riportano la notizia che Matteo Renzi avrebbe in serata telefonato a don Maurizio Patriciello, assicurando il sacerdote che presto tornerà a fargli visita per prendere visione di persona della situazione della zona. Sulla sua pagina Facebook, don Maurizio Patriciello non riporta ancora la notizia di essere stato contattato da Matteo Renzi. Ma ciò che lascia perplessi, è soprattutto il fatto che Renzi, sempre così attivo sui social network per lanciare slogan e controbattere, non abbia scritto nemmeno una parola (o un hashtag) su Twitter e Facebook in merito al suo presunto impegno nella Terra dei Fuochi. Nonostante quelle terre siano "invase da fumi, fetori e veleni di ogni tipo" come scrive don Maurizio Patriciello e per uomini, donne e bambini (anche nel primo anno di vita) si registra un "eccesso di mortalità e di ospedalizzazione per tutti i tipi di tumori", il silenzio delle istituzioni continua quindi ad essere assordante, e rimbomba anche nel mondo dei social network.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: