le notizie che fanno testo, dal 2010

Renzi aspetta direzione PD: dopo vittoria M5S c'è "ansia di cambiamento"

Il PD dà la colpa a Matteo Renzi della sconfitta a Roma e Torino mentre il premier segretario rilancia e sostiene che "ha vinto chi ha interpretato meglio l'ansia di cambiamento" Ansia che Matteo Renzi riverserà nel corso della direzione del PD.

Se buona parte del Partito Democratico (anche frange della maggioranza) ha subito puntato il dito contro Matteo Renzi dopo la vittoria del MoVimento 5 Stelle a Torino e Roma, il premier segretario sta invece cercando di far passare il fatto che la sconfitta è colpa di un PD troppo vecchio, o meglio ancora troppo poco rottamato. Nel corso di una conferenza stampa, Renzi infatti dichiara infatti: "C'è un elemento nazionale che deve essere riconosciuto con grande lealtà e chiarezza: c'è una vittoria dei 5 Stelle in cui quasi tutti i comuni in cui stavano. E' una vittoria indiscutibile che va chiamata col suo nome".

Renzi ha quindi aggiunto che quello che ha premiato i M5S non è "un voto di protesta ma un voto di cambiamento. - chiarendo - Ha vinto chi ha interpretato meglio l'ansia di cambiamento". E questa "ansia di cambiamento" Renzi sembra intenzionata a riversarla il 24 giugno durante la direzione del PD durante la quale, assicura, ci sarà "una discussione vera, franca e sincera su tutte le questioni" per "coniugare insieme i valori della nostra comunità con la capacità di aprirsi al nuovo senza scadere nel nuovismo".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: