le notizie che fanno testo, dal 2010

Matteo Renzi: maggioranza PD voterà Enrico Letta, bravo anche con i 5 Stelle

Nonostante le voci dissidenti che escono dal partito, Matteo Renzi pensa che "la stragrande maggioranza del PD voterà la fiducia al governo Enrico Letta" perché lui "è capace di tenere insieme le varie anime di questo strano raggruppamento". Al sindaco di Firenze è piaciuta anche la diretta streaming, perché "Enrico Letta è stato deciso con i 5 Stelle".

"La stragrande maggioranza dei deputati del Partito Democratico voterà la fiducia al governo Enrico Letta. Se qualcuno non le voterà, ci sono le sedi opportune dove fare una discussione in merito. Ma è prematuro parlare di espulsioni" spiega Matteo Renzi a Sky Tg24. Il sindaco di Firenze è ottimista rispetto alla nascita di un governo "di servizio per il Paese" come lo ha ribattezzato Enrico Letta, e questo nonostate le voci dei dissidenti, tra cui Pippo Civati. Civati spiega che "quelli a disagio" dalla nascita di un governo PD-PDL sono circa una cinquantina mentre "quelli che invece si manifesteranno sono la metà". Enrico Letta sembra infatti trovare particolari difficoltà a dialogare con il PD che con il PDL, con quest'ultimo pronto a votare compatto la fiducia all'esecutivo se questo avrà come faro il programma fiscale presentato da Silvio Berlusconi nei suoi 8 punti. "E' evidente che se non si vota la fiducia è un problemino" ammette infatti Matteo Renzi, non solo per il Paese ma anche per il PD, che rischia di "morire", secono Pippo Civati anche "se vota un governo con esponenti politici ingombranti". "Sono l'ultimo a poter dire quanto durerà, spero che il governo lavori e lavori nell'interesse dell'Italia" aggiunge sempre Matteo Renzi, che trova Enrico Letta "un'ottima soluzione" per uscire da questa impasse, visto che "lui è capace di tenere insieme le varie anime di questo strano raggruppamento, che costituisce la base di questo governo di servizio". A Matteo Renzi, stavolta, è piaciuta anche la diretta streaming con il MoVimento 5 Stelle. Se per Renzi, la volta precedente Pier Luigi Bersani si era infatti fatto "umiliare in streaming per cercare di elemosinare mezzi consensi da persone come la capogruppo del MoVimento 5 Stelle" che aveva dimostrato solo "arroganza e tracotanza", stavolta al sindaco di Firenze la diretta con i pentastellati non gli è dispiaciuta. "Enrico Letta è stato deciso con i 5 Stelle. - aggiungendo - Negli ultimi due mesi il M5S ha avuto una sorta di santificazione da parte di alcuni politici e alcuni media. Ma se incalzato sulle cose da fare, perderà consenso".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: