le notizie che fanno testo, dal 2010

Contro Renzi non solo Beppe Grillo: esposto dipendente Comune Firenze

Non c'è solo Beppe Grillo, capo politico del MoVimento 5 Stelle, a mettere sotto la lente d'ingrandimento l'operato di Matteo Renzi. Un dipendente del Comune di Firenze presenta un esposto contro il candidato delle primarie del centronistra.

Beppe Grillo attacca Matteo Renzi su "assenteismo" in Consiglio Comunale e per i debiti che il Comune di Firenze ha "verso i fornitori". Matteo Renzi fa rispondere al capo politico del MoVimento 5 Stelle direttamente dall'assessore al Bilancio Alessandro Petretto che consiglia a Beppe Grillo "un po' di prudenza quando si avventura in questioni che evidentemente padroneggia assai poco". Ma Beppe Grillo non sembra essere l'unico a volere una verifica di "molti aspetti del sindaco di Firenze Matteo Renzi", come richiede un dipendente del Comune di Firenze, Alessandro Maiorano, direttamente alla Guardia di Finanza tramite un esposto. L'8 ottobre 2012, infatti, il signor Maiorano si è recato presso gli uffici del nucleo polizia tributaria di Firenze (Gruppo tutela spesa pubblica - sezione accertamento danni erariali) affinché la GdF verifichi 10 punti ritenuti dal dipendente comunale probabilmente poco chiari. Il fascicolo su Matteo Renzi "è seguito, ratione materiae, dalla Guardia di finanza per il tramite della Segreteria del vice capo di gabinetto finanze" precisa il Ministero del Tesoro al sole24ore.com.

In primis, Alessandro Maiorano chiede di verificare le presunte "100 assunzioni a chiamata diretta del sindaco di Firenze di tutti i suoi 'amici' i quali oggi sono a Palazzo Vecchio con una spesa di 25-30 milioni di soldi pubblici", come si legge nell'esposto. Il signor Maiorano non è l'unico, in effetti, a lamentarsi della "chiamata diretta", tanto che l'USB (Unione Sindacale di Base - Pubblico Impiego) pubblica un volantino con un appello rivolto a Matteo Renzi, dove si prende in prestito proprio il suo slogan per le primarie del PD: "ADESSO BASTA - Come dipendenti di questo Comune siamo stufi di aspettare i suoi comodi, di vedere i lauti stipendi elargiti agli assunti a chiamata diretta e di vedere invece decurtati giorno dopo giorno i nostri stipendi di onesti lavoratori, e ancor peggio di non avere la certezza di uno stipendio decente per gli anni a venire!!!!".

Tra gli altri punti presenti nell'esposto alla GdF di Alessandro Maiorano c'è:
- Verificare tutti i mesi di assenze e le spese inerenti alla presentazione del suo libro Sil Novo, chi ha pagato alberghi, benzina, cene? Chi ha pagato l'affitto del Grand Hotel di Firenze per la presentazione del libro?
- Verificare i miei colleghi del Comune che invece di essere a Palazzo Vecchio sono con Renzi, quando in realtà i giorni a disposizione di ferie sono 34.
- Verificare tutta la compagnia (si presume campagna, ndr) elettorale del 2009, Renzi dichiara come spesa 209.000 euro quando invece le spese sono di vari milioni di euro.
Alessandro Maiorano chiede poi la verifica dei bilanci della Florence Multimedia, società in house della Provincia di Firenze e di approfondire il "capitolo Chil Srl", la società aperta negli anni '80 dal padre di Matteo Renzi acquisita nel 2010 dalla Eventi 6 srl che "al 31 dicembre 2011, l'80% della proprietà risulta in mano alla famiglia di Matteo Renzi (due sorelle e la madre, ndr)", come riassume il Sole24Ore.

Il dipendente comunale nell'esposto ricorda che Matteo Renzi ha dichiarato di possedere in banca solo 22mila euro aggiungendo che "però incassa ogni anno 3 milioni con la Chil Srl ribattezzata Eventi 6 Srl". Infine, Alessandro Maiorano chiede alla Guardia di Finanza delucidazioni sui "20 milioni di fatture e spese di 'rappresentanza', cene, alberghi, viaggi e altro dal 2004 al 2009", quando Matteo Renzi era il presidente della Provincia di Firenze. Il signor Maiorano è tornato poi, sempre per "motivo di giustizia" come si legge nell'esposto, presso gli uffici del nucleo polizia tributaria di Firenze il 23 ottobre 2012 per, come precisa in una email, "segnalare ai finanzieri altri 3 nomi di Palazzo Vecchio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: