le notizie che fanno testo, dal 2010

Rover Curiosity, scienziato: foto svelano vita microbica su Marte

Le foto del rover Curiosity della NASA svelerebbero la presenza di vita aliena su Marte, anche se piccola piccola. Lo scienziato Nora Noffke spiega infatti che osservando attentamente "le strutture sedimentarie nelle rocce di Marte" si può rilevare che la formazione delle stesse è avvenuta per via di microbi presenti 3,7 miliardi di anni fa nel terreno del Pianeta Rosso.

Poche settimane fa il rover della NASA Curiosity ha rilevato nell'atmosfera di Marte picchi di metano, che potrebbero essere interpretati come una eventuale prova di attività biologica sul Pianeta Rosso. L'idea che in un lontano passato sia sia stata davvero vita su Marte è mai stata scartata completamente, oggi rilanciata dal Dr. Nora Noffke, professore associato presso la Old Dominion University di Norfolk. Corrispondendo con l'americano The Huffington Post il geobiologo azzarda infatti che, osservando attentamente alcune foto del paesaggio di Marte catturate dal rover Curiosity si possono individuare possibili segni "alieni" nel passato, anche se piccoli piccoli. Noffke spiega: "Siamo in grado di rilevare le strutture sedimentarie nelle rocce di Marte - aggiungendo - Le strutture che descrivo appartengono ad un gruppo di strutture microbiche che si formano dall'interazione tra i microbi presenti nella zona bentonica con i depositi clastici in erosione, come la sabbia". La teoria dello scienziato è che se esistono tali strutture su Marte è ipotizzabile pensare che il pianeta rosso potrebbe essere stato un tempo ricco di vita microbica, circa 3,7 miliardi di anni fa come calcola il professor Noffke. Mettendo infatti a confronto foto di alcune zone di Marte e di alcune zone della Terra si possono individuare modelli geologici apparentemente simili, e che possono far pensare al passaggio dell'acqua sul Pianeta Rosso.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: