le notizie che fanno testo, dal 2010

Marte: nuovo rover NASA Curiosity a caccia di "fossili molecolari"

Il nuovo rover della NASA si chiamerà Curiosity e cercherà all'interno del cratere Gale tracce di vita sul Pianeta Rosso, come i suoi predecessori Viking. Ma nessuno scheletro marziano attende la missione, la speranza è solo quella di trovare dei microbi nel terreno sterile del pianeta.

Aspettando il modulo Orion (il nuovo "traghetto" USA per arrivare alla Stazione Spaziale Internazionale), la NASA, chiuso il capitolo Space Shuttle con l'atterraggio dell'Atlantis, cerca di mantenere viva l'esplorazione spaziale stelle e strisce con nuovi "robottini" pronti per esplorare un "grande classico" del sistema solare: Marte. Il nuovo rover della NASA dal nome ben augurante di Curiosity avrà come compito quello di trovare, come alcuni dei suoi mitici predecessori (ad esempio i Viking), segni di vita sul Pianeta Rosso (che poi, col passare del tempo, tanto "rosso" non sembra essere più). La NASA come sempre non si aspetta di trovare marziani in carne ed ossa, e punta sui cosiddetti "fossili molecolari", ovvero microscopiche tracce di vita microbica che si pensa siano "fiorite" quando su Marte c'era ancora acqua allo stato liquido. Il rover Curiosity atterrerà sul cratere Gale, scelto tra 30 potenziali siti d'atterraggio proposti nel 2006 da 100 scienziati riuniti in workshop in tutto il mondo. La scelta finale era in realtà tra il cratere Eberswalde e il cratere Gale. Gli scienziati credono che Eberswalde sia stato un antico delta di un fiume per la presenza di argilla e minerali filosilicati (che tendono a formarsi durante il contatto prolungato con l'acqua). Il cratere Gale, su cui è ricaduta la scelta, è anch'esso ricco di filosilicati ma ha la particolarità di avere al suo centro una montagna alta tre miglia (quindi 4828 metri e rotti), la cui base è interessante per via di una "stratigrafia" che indicherebbe la possibile presenza di questi "fossili molecolari". Curiosity potrebbe anche tentare di scalare l'enorme vetta. La missione durerà un anno marziano (circa due anni terrestri) e dovrebbe partire da Cape Canaveral in Florida tra il 25 Novembre e il 18 Dicembre di quest'anno.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: