le notizie che fanno testo, dal 2010

Curiosity: ombra umana su Marte, da Capricorn One a Gary McKinnon. Foto

Alcune foto scattate su Marte nel 2012 dal rover Curiosity della NASa mostrano un'ombra che sembra poco aliena ma molto umana. Dalla pubblicazione delle foto sono state rispolverate quindi le teorie alla Capricorn One fino al cover-up sugli UFO, quello citato dall'hacker Gary McKinnon.

C'è davvero vita su Marte oppure il Pianeta Rosso è più vicino di quanto non si voglia far credere (tipo Capricorn One)? L'ufologo che cura il sito ufosightingsdaily.com pochi giorni fa spiega di aver aperto la sua casella e-mail e di aver trovato delle foto della NASA (risalenti al 26 settembre 2012) che mostrano, apparentemente, un'ombra umana armeggiare con il rover Curiosity della NASA, proprio quello che sta passeggiando dal 6 agosto 2012 sulla superficie di Marte. Il blogger Scott Waring fa notare che nelle foto della NASA questa ombra umana su Marte sembra indossare qualcosa sulle spalle, come dei serbatori, e una tuta che copre la maggior parte del corpo, tranne i capelli. Nella foto, infatti, pare riconoscibile l'ombra di una testa senza casco ma con dei capelli corti. L'ufologo ipotizza che sulla schiena l'ombra umana possa portare serbatori d'aria, ma potrebbero essere anche di acqua. Dopo la diffusione di queste immagini, infatti, si è riaperto il dibattito sull'autenticità della missione Mars Science Laboratory (MSL) e sul fatto che il rover Curiosity non sia mai atterrato su Marte ma che stia invece raccogliendo campioni in qualche deserto poco marziano e molto terrestre. L'ombra, quindi, potrebbe essere non quella di un alieno incuriosito, appunto, dal rover ma di un tecnico della manutenzione (della NASA) con tanto di borracce piene d'acqua sulla schiena per rinfrescarsi di tanto in tanto visto il caldo del deserto roccioso. Altri invece, dopo aver visto l'ombra umana con il rover Curiosity, hanno rispolverato le passate dichiarazioni di Gary McKinnon, anche noto come "Solo", accusato dagli Stati Uniti di aver aver effettuato "la più grande intrusione su computer militari di tutti tempi". L'hacker britannico ha infatti sostenuto di aver trovato, penetrando nei sistemi informatici statunitensi, le prove del cover-up sugli UFO. L'ufologo di ufosightingsdaily.com si chiede quindi anche, provocatoriamente, se la foto del rover Curiosity possa essere "la prova che gli esseri umani vivono su Marte in basi aliene abbandonate".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: