le notizie che fanno testo, dal 2010

Referendum: Monti vota No perché metodo Renzi ricrea evasione e debito

Anche Mario Monti voterà No al referendum costituzionale del 4 dicembre perché la riforma "per essere varata, sembra avere richiesto una ripresa in grande stile di quel metodo di governo che è il vero responsabile dei mali più gravi dell'Italia: evasione fiscale, corruzione, altissimo debito pubblico".

Anche Mario Monti si unisce al fronte del No. In una intervista al Corriere della Sera, l'ex premier annuncia infatti che al referendum costituzionale del 4 dicembre voterà No "perché il vero costo della politica non è quello dei senatori, ma risiede nel combinato disposto fra la Costituzione, attuale o futura, e metodo di governo con il quale si è lubrificata da tre anni l'opinione pubblica con bonus fiscali, elargizioni mirate o altra spesa pubblica perché accettasse questo".

Più che un No convinto alla riforma, quello di Monti è quindi un No alla politica del governo. "A me risulta impossibile dare il mio voto a una Costituzione che contiene alcune cose positive e altre negative, ma che - spiega - per essere varata, sembra avere richiesto una ripresa in grande stile di quel metodo di governo che a mio giudizio è il vero responsabile dei mali più gravi dell'Italia: evasione fiscale, corruzione, altissimo debito pubblico".

Ed ecco perché, assicura, se dopo il referendum Matteo Renzi decidesse di dimettersi non ci sarebbero "particolari sconvolgimenti". Mario Monti, nominato in tutta fretta senatore a vita affinché potesse ricoprire subito dopo la carica di Presidente del Consiglio, non cambia però idea sulle elezioni, tanto che non ne vede la necessità anche se dovesse cadere l'esecutivo dopo la vittoria del No al referendum.

Per Monti infatti "toccherà al Capo dello Stato decidere, ma sarebbe facilmente immaginabile una sostanziale continuazione dell'assetto di governo attuale con un altro premier parte della maggioranza". Si spera almeno, questa volta, per lo stretto tempo necessario a varare finalmente una legge elettorale degna di questo nome.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: