le notizie che fanno testo, dal 2010

Monti: per crescita serve nuova agenda a livello europeo

Mario Monti, Francois Hollande, Angela Merkel e Mariano Rajoy si sono incontrati per trovare un punto di partenza in vista del Consiglio europeo del 28 giugno.

"Desideriamo che ci sia un pacchetto di misure per la crescita a livello europeo rilevante, dell'ordine di grandezza dell'1% del PIL dell'Unione europea, più o meno 130 miliardi di euro" ha rivelato il premier Mario Monti al termine dell'incontro con il presidente francese Francois Hollande, il presidente del governo spagnolo Mariano Rajoy e la cancelliera tedesca Angela Merkel.
I leader delle quattro principali economie della zona euro cercano quindi una comunione d'intenti in vista del vertice europeo del 28 giugno (quello nel quale Monti dovrà presentare la riforma del lavoro già approvata dal Parlamento).
L'obiettivo è quello di ristabilire la fiducia nella zona euro. E mentre questo G4 europeo discute sulle possibili soluzioni, la Banca centrale europea (BCE) annuncia che è intenzionata ad allentare le condizioni per alle banche dell'eurozona, misura che a suo giudizio sosterrà l'economia della area euro.
Sul tavolo di Monti, Hollande, Merkel e Rajoy, come sempre, "la crescita", che "non può avere una base di solidità", insiste il premier italiano "se non nella disciplina di bilancio e la disciplina bilancio non è sostenibile nel lungo periodo se non ci sono condizioni sufficienti di crescita e di sviluppo dell'occupazione".
I quattro leader dell'UE, quindi, si trovano d'accordo nell'avviare un rilancio degli "investimenti e nella creazione di posti di lavoro, da ottenere sia attraverso riforme strutturali da approvare a livello nazionale sia attraverso una nuova agenda a livello europeo".
Per il momento, solo in Italia, hanno chiuso nei primi tre mesi dell'anno 2012 ben 1.626 imprese al giorno, come rivela la CGIA di Mestre.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: