le notizie che fanno testo, dal 2010

Monti: aumento età pensionabile e tempo indeterminato più flessibile

Ecco le ultime promesse di Mario Monti in campagna elettorale: aumentare l'età pensionabile effettiva e rendere il contratto a tempo indeterminato più flessibile.

Forse pensando (chissà, magari a ragione) che gli italiani sono dei moderni Tafazzi , ecco le promesse che Mario Monti fa al popolo se verrà eletto, o comunque se sarà in grado di governare formando con una delle due coalizioni (probabilmente il PD) una stabile maggioranza di governo. Nel corso di un incontro a Milano, Mario Monti invoglia gli italiani a votarlo assicurando che c'è "la necessità di aumentare l'età pensionabile effettiva, e garantire nel tempo l'equilibrio dei sistemi pensionistici pubblici nonostante il progressivo invecchiamento del Paese e le ricadute che ciò comporta sul mercato del lavoro". Per l'ex tecnico passato alla politica, quindi, sembra di capire che la riforma Fornero, varata appena un anno fa, non sia sufficiente. A che età "effettivamente" gli italiani, secondo Monti, saranno degni di poter andare in pensione, quindi, non è ancora del tutto chiaro, anche se per molti la risposta appare davvero semplice, e cioè mai. Mai, perlomeno, con una pensione degna di questo nome. Mario Monti, infatti, oltre a paventare l'idea di aumentare l'età pensionabile, annuncia anche che bisognerà "sperimentare una rimodulazione del contratto a tempo indeterminato tesa a renderlo più flessibile e meno costoso".

Aggiornamento: a stretto giro, Mario Monti su Twitter precisa: Non vogliamo aumentare età pensionabile. Ma il tasso di occupazione, soprattutto dei giovani: questo è il nostro programma.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: