le notizie che fanno testo, dal 2010

Mario Monicelli: filmografia e interviste su Youtube

Mario Monicelli lascia una filmografia tra regia e sceneggiature che conta oltre 120 opere. Su Youtube la memoria collettiva (frammentaria e per questo affascinante) del regista che inventò la "commedia all'italiana".

Mario Monicelli si è tolto la vita ieri sera intorno alle 21 gettandosi dal reparto di urologia dell'ospedale San Giovanni di Roma, aveva 95 anni.
Il web, come in poche occasioni, ha passato la notte insonne a pubblicare cinguettii su Twitter, messaggi su Facebook, video su Youtube e a scrivere commenti e notizie sui blog.
Non solo, tutte le pagine sul maestro, tranne che nel suo "sito ufficiale", sono state immediatamente aggiornate con la data della sua scomparsa, a cominciare dalla biografia di Mario Monicelli su Wikipedia.
Chi cercasse la filmografia di Mario Monicelli può trovarla con tutte le schede dei suoi film (da "I Ragazzi della via Paal" del 1935 all'ultimo suo "vero" film "Le rose del deserto" del 2006) proprio su sul sito ufficiale di Mario Monicelli (http://www.mariomonicelli.it/filmografia.htm) con tanto di locandine originali.
Mario Monicelli è il padre, insieme a Dino Risi e Luigi Comencini della "commedia all'italiana" e lascia alla storia del cinema più di 60 film come regista e quasi altrettanti come sceneggiatore.
Su Youtube le risorse più cercate sono senz'altro il suo intervento a "Rai per una notte" di Santoro, con una analisi molto lucida sull'"essenza degli italiani" (http://www.youtube.com/watch?v=hEUtmhKN_1o); e le varie interviste al regista nato a Viareggio in cui si scopre il lato schietto e qualche volta "toscanamente cinico".
Da segnalare "Mario Monicelli ad Annozero 06 Maggio 2010" (http://www.youtube.com/watch?v=EZaTTsvHVFA); L'intervista di Elkann (http://www.youtube.com/watch?v=Vh6ofHiA8uQ); Monicelli intervistato da Gaetano Ferrandino all'Ischia Film Festival (http://www.youtube.com/watch?v=ODkQkB1GkTM); oppure l'interessante "Mario Monicelli: 'Come scrivevamo i film' - intervista di Giovanni Bogani" (http://www.youtube.com/watch?v=B-5WwrFF65U).
Ovviamente non si contano gli spezzoni "celebri" dei suoi film come quello di "Romanzo popolare" del 1974 (http://www.youtube.com/watch?v=76QhFexivQk); la "supercazzola al vigile" di Amici miei (http://www.youtube.com/watch?v=IoEK2Z3-JH8): "Un borghese piccolo piccolo" col "rito di iniziazione alla massoneria (http://www.youtube.com/watch?v=RKmYPFFDVVw); senza dimenticare l'incontro tra Sordi e Gassman ne "La grande guerra" (http://www.youtube.com/watch?v=he-bjiiiquw).
Sicuramente rivedere anche questi piccoli frammenti di pensiero e di cinema può far venire la voglia, soprattutto ai più giovani, di riscoprire il lavoro e l'arte di un ultimo "grande" dell'Italia che, una volta, era premiata ed apprezzata in tutto il mondo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: