le notizie che fanno testo, dal 2010

Mario Draghi: Italia anni '90 era messa peggio della Grecia di oggi

Mario Draghi svela che l'Italia degli inizi degli anni '90 "era in condizioni forse peggiori di quelle in cui si trovano oggi la Grecia e il Portogallo". Chissà se tra 20 anni un altro ex Direttore generale del Ministero del Tesoro svelerà, sempre con un certo ritardo, le vere condizioni dell'Italia del 2011.

Mario Draghi, durante una audizione all'Europarlamento, afferma che "i costi di un default" della Grecia "sarebbero superiori ai vantaggi", senza contare la possibilità che si inneschi un "contagio diffuso nell'eurozona". Mario Draghi, candidato alla presidenza della BCE, assicura quindi che la crisi che sta attraversando la Grecia non sarà una "nuova Lehman Brothers", cioè la banca d'affari che avrebbe scatenato la crisi mondiale dopo il suo fallimento nel 2008. Mario Draghi è convinto infatti che la Grecia c'è la può fare, anche perché rivela che l'Italia degli inizi degli anni '90 "era in condizioni forse peggiori di quelle in cui si trovano oggi la Grecia e il Portogallo - assicurando però che alla fine - ce l'abbiamo fatta". Vista la crisi economica e di occupazione odierna, qualcuno probabilmente sottolineerebbe che forse bisognerebbe attendere ancora qualche anno prima di "cantar vittoria", anche perché magari tra 20 anni un altro ex Direttore generale del Ministero del Tesoro potrebbe svelare, sempre con un certo ritardo, le vere condizioni dell'Italia del 2011.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: